Strategies Against Architecture – BIENNALE VENEZIA 2010

Biennale Venezia Architettura 2010Sta per concludersi (21 novembre) la Biennale di Architettura di Venezia, che si alterna alla Biennale d’arte.L’edizione del 2010 (la dodicesima), intitolata “People meet in architecture”, è curata dall’architetto giapponese Kazuyo Sejima, la prima donna ad assumersi questo compito.
Essenziale come i giapponesi sanno essere, Kazuyo è molto nota per le sue architetture basate su modelli cubici e morbide curve di vetro/acciaio. I luoghi da lei progettati sono pensati come posti fluidi e privi di gerarchie che permettono una relazione continua tra esterno e interno, incoraggiando la capacità dei partecipanti di interpretare lo spazio.

«Nel progettare ambienti ho come riferimento l’idea di parco, un luogo in cui persone di età diverse svolgono attività molteplici. Gli alberi e i sentieri creano lievi confini, ma è poi l’attività delle persone a trasformare il parco in un ambiente». Questo in breve il concetto di Kazuyo, in perfetta sintonia con il tema imposto all’edizione della Biennale 2010: L’architettura ha il compito di creare degli spazi reali che agevolano la comunicazione tra gli individui, in un’epoca in cui le tecnologie più avanzate sostituiscono il dialogo diretto tra le persone. Per superare la condizione di isolamento e restituire un nuovo senso alle comunità, l’architetto piuttosto che concentrarsi su grandi utopie, dovrà cercare di realizzare visioni funzionali al presente.

Biennale Architettura Venezia 2010Un’edizione pensata e voluta per il grande pubblico…e l’obiettivo sembra sia stato ampiamente raggiunto visto il successo ottenuto, dimostrandosi un evento di grande interesse per tutti e non una “fiera specialistica” per addetti al lavoro.
L’Architettura si mostra più vicina che mai all’arte, che sembra ormai persa nel suo vanitoso nichilismo, superandola, talvolta, in fantasia.
Temporaneità, condivisione, sostenibilità, politica, alimentazione, ecologia diventano temi basilari dell’architettura e all’architetto viene lasciato il compito di immaginare un futuro migliore.

ARSENALE:
Dopo essere stati accolti da una roccia attraversata da un piccolo tunnel di legno al cui interno si può annusare l’aroma del faggio, un video in 3D introduce la filosofia lavorativa di Kazuyo Sejima.
Da qui le stanze dell’Arsenale si aprono alle libere interpretazioni dei vari ospiti (architetti, artisti o entrambi). Gli spazi possono essere riempiti dalla nebbia (realizzazione molto suggestiva nel contesto dell’Arsenale, ma un po’ meno pratica per un appartamento), oppure dall’acqua (un’installazione dell’artista Eliasson). Quest’ultima un’esperienza visiva tutta da vivere: in una stanza buia canne dell’acqua appese all’altissimo soffitto costruiscono con il proprio getto disegni sempre differenti illuminati dai flash delle luci strombo.

Biennale Architettura Venezia SPAGNA

Abitazioni Mimetiche in Galizia

Biennale Architettura Venezia 2010

Albania: the Kingdom of Bahrain

I molti modellini e progetti architettonici riportano la Biennale a un piano meno artistico, ma non per questo meno suggestivo.
Delle curiose unità abitative mimetiche si armonizzano con il paesaggio costiero della Costa da Morte in Galizia. Questi monolocali sono, infatti, costruiti utilizzando un mix di paglia, gesso, cemento e vari materiali naturali che li fanno assomigliare a grandi rocce ricoperte di vegetazione.
L’Albania, invece, pubblicizzando la bellezza a rischio estinzione del Regno del Bahrain (Golfo Persico), lancia una accusa alla mal urbanizzazione costiera. Le palafitte dei pescatori, decadenti, ma in perfetta armonia con il territorio, sono le strutture più adatte per integrarsi con il mare.  Et voilà allestite a Venezia queste architetture transitorie arredate da tappeti, cuscini, narghilè, in cui bere tè e giocare a backgammon.
Il plastico intitolato “Learning Architecture” allestito dalla Repubblica Macedone crea un’analogia fra la forma degli edifici e degli spazi con le lettere di un nuovo alfabeto da comprendere e studiare.
Il giardino delle vergini” è la stupenda interpretazione dell’architettura del paesaggista Piet Oudolf in netto contrasto con gli edifici industriali dei cantieri navali e dei magazzini marittimi.
L’opera è stata definita delicata e impressionistica nella sua orchestrazione: l’ampio giardino si sviluppa al centro di una folta vegetazione selvatica, che è stata volutamente lasciata e disegna perfette geometrie tramite l’impiego di piante perenni dalla tarda fioritura.
(tratto da http://www.contesti.eu/arte-design)
http://www.oudolf.com/

Biennale Architettura Venezia 2010

Canada: Hylozoic Ground

GIARDINI:
> Nonostante il concetto alla base del padiglione Romania sia complesso e molto concettuale, l’installazione è una delle migliori: un gigantesco plastico di legno in scala 1:1 in cui è possibile camminarci dentro.
> Il Canada crea un ecosistema di eteree e delicate piante di plastica inserite in una rete di sensori, che si muove lentamente, respira, palpita e si illumina al passaggio dei visitatori. Hylozoic Ground (questo il titolo dell’installazione) rimanda all’ilozoismo: antica dottrina secondo cui anche la materia è viva.
> Suggestivo anche se discutibile il manifesto radicale proposto dai curatori del Padiglione Ungherese. Un percorso costruito da centinaia di matite sospese da fili bianchi elogia il concetto di “Progetto” e “descrive gli architetti non come costruttori di case ma come disegnatori di linee.”
> “When Now” è una spettacolare e grandiosa installazione in 3D visibile nel padiglione Australia. La visione dei vari ecosistemi in costante mutamento urbanistico-climatico sembra scaturita più da un sogno di James Cameroon che dall’Istituto Australiano di Architettura.
> Stiloso l’Egitto che coniuga perfettamente le sue tradizioni storiche con le più azzardate strutture astratte.
Altri padiglioni meno spettacolari offrono comunque numerosi spunti di interesse.
> Gli Stati Uniti, parlando di architettura, si interrogano su nuove abitudini alimentari più genuine.
> La Spagna analizza le insospettabili implicazioni politiche e sociali nascoste tra le mura domestiche.
> Il Brasile celebra le sue Archistar e propone le giovani promesse che prenderanno il loro posto.

Biennale Architettura Venezia BRASILE

Padiglione BRASILE

> “E se lo spazio c’è perché non usarlo?” E’ la polemica domanda olandese che per provocazione e per protesta, ha deciso, quest’anno, di lasciare il loro padiglione vuoto, visto che Venezia utilizza questi spazi solo 4 mesi all’anno. …La domanda che sorge in alcuni visitatori subito dopo è “…ma è sempre necessario riempire gli spazi?”
> Monco il padiglione Germania il cui curatore è morto poco prima della sua realizzazione. La Germania si limita a dedicargli una doverosa retrospettiva.

In concomitanza con l’apertura della Biennale Venezia apre al pubblico due nuovi spazi.
Il 25 agosto è stato inaugurato il completamento del restauro di Ca’ Giustinian (sede della Biennale) con l’importante recupero della Sala delle Colonne che ospita l’Evento Speciale della Biennale Architettura 2010, LUMA/ Parc des Ateliers, di Frank O. Gehry (Guggenheim Museum a Bilbao, dancing house di Praga,…), un progetto architettonico per un nuovo modello culturale situato nel centro di Arles, Francia.
Il 27 agosto è stata celebrata l’apertura della Biblioteca dell’ASAC (Palazzo delle Esposizioni, Giardini), che segna anche il completamento dell’Archivio Storico delle Arti Contemporanee e la sua ritrovata funzionalità.Biennale Architettura Venezia 2010

Biennale Architettura Venezia 2010

"Le Corbusier la cui eredità rappresenta i successi e i fallimenti del modernismo sia per il potenziale di risoluzione della crisi abitativa mondiale attraverso la tecnologia, sia per la cattiva gestione di progetti che sono serviti come incubatori di povertà"

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi