TRON – il REQUEL

tron - tron legacySe pensate di vedere un film carino, lasciate perdere.
Se avete amato l’ingenuo TRON e volete un esaltante videoclip dei DAFT PUNK, non perdetevi TRON LEGACY.
Basta azzerare mentalmente l’audio quando manca la colonna sonora. Sí perchè TRON LEGACY è ovviamente una gigantesca boiata che riesce non solo a non aggiungere nulla di nuovo al profetico immaginario del suo predecessore degli anni 80, ma butta via anche le sue idee migliori. TRON vantava già una pessima sceneggiatura, ma visivamente era tutto quello William Gibson avrebbe scritto per anni. La Matrice, costruita da rigide linee al neon e da forme geometriche elementari, sembrava scaturita da un film espressionista tedesco in cui i personaggi si muovono su sfondi irreali dalle forme impossibili. In Tron Legacy si bladerunnerizza la scenografia. Camminando si attraversa il set di Guerre stellari, qualche cupa brughiera industrial di Aliens, la città di Blade Runner, e solo quando si gioca la stilizzazione di Tron.
Gli abitanti di questa nuova matrice sono sexy, accattivanti, strizzano l’occhio al fetish come un qualunque videoclip di Lady Gaga o della Aguilera. I loro antenati erano stupidi. Letali, ma stupidi. Se si potesse instaurare un contatto con un personaggio di Halo o di qualche altro vostro videogioco la conversazione non sarebbe certo brillante…ma non in TRON LEGACY. Quindi dimenticatevi la stroia, le scene di azione, la rappresentazione…tutto. Concentratevi sui giochi e sui DAFT PUNK e non rimarrete delusi.

Il nuovo film lancia anche una nuova odiosa moda tutta statunitense. Dopo i remake uguali identici agli originali, ma con ambientazioni e star hollywoodiane, dopo i sequel fino allo sfinimento, dopo i perquel e i reboot in cui si riutilizzano le solite poche idee ricambiandole un pochetto, c’è da attendersi operazioni REQUEL (sequel e remake). Si condisce un seguito di un film con il figlio del vecchio protagonista che, alla ricerca del padre (star vecchiotta), si imbatte nelle identiche situazioni del precedente film.
Un po’come guardarsi in TV la partita di calcio e aspettare con ansia che rifacciano rivedere i gol per esultare alla moviola.

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi