CYBERPUNK: fantaperiferie decadenti, realtà virtuali e simbiosi meccaniche

cyberpunk frank miller adult comic  - cyberpunk

Frank Miller + Geof Darrow: Hard Boiled

Prima di Blade Runner il futuro nelle pellicole di fantascienza, non puzzava, non era umido e non era difettoso. Qualche oggetto di design strampalato dava le connotazioni futuristiche delle abitazioni. L’era informatica era rappresentata da poco più che calcolatrici parlanti e servili robot domestici (pronti a trasformarsi in Frankenstein moderni).Dopo il capolavoro di Ridley Scott gli ambienti asettici e minimalisti sono

Philippe Druillet film adult comic La Nuit  - cyberpunk

Philippe Druillet film La Nuit

diventati riservati a classi di tecnocrati benestanti. Il resto della metropoli è una gigantesca favela tecno-decadente dove tutto è mal funzionante. Questo è lo scenario imposto dalla rivoluzione cyberpunk, il punto zero da cui è stata riscritta la fantascienza moderna. Ma ne rappresenta anche il limite. La città descritta nel pessimo “Il quinto elemento” degli anni 90, sembra solo a qualche miglio di distanza da quella di Blade Runner tanto è simile. E, purtroppo, anche quella rappresentata nel bellissimo “Immortal” di Enki Bilal ne sembra solo una copia. I ritrovi malfamati sono sempre dei bar non tanto diversi dai saloon visti mille volte nei film western.

Nonostante Spielberg si avventuri spesso nel campo fantascienza è incapace a immaginare futuri scenari sociali. Solo “Minority Report” ha un guizzo di originalità. Il traffico è completamente regolato e le auto sono poco più che cabine che viaggiano su rotaie leggere ancorate fuori dalla porta della propria abitazione. Si accende l’auto e un timer comunica quando il proprio veicolo potrà immettersi nel traffico. Per il resto, come in “AI”, le città e le abitazioni non hanno nessuna vera atmosfera futuribile. “Gattaca” di Andrew Niccol aveva provato a immaginare un nuovo tipo di scenario. Tutto in quel film è ordinato e pulito e nello spazio ci si va in giacca e cravatta dopo aver timbrato il cartellino come dei banali burocrati.

Insomma è da 30 anni che il futuro al cinema viene riproposto sempre uguale. Il cyberpunk (filmico) ha giustamente creato un punto di non ritorno, ma ha dato per assodato e certo un immaginario ormai vecchio di cui si è scavato ogni più sordido aspetto. Il cinema ha trascurato gli aspetti sociali e urbanistici per concentrarsi sul fattore “realtà virtuale”, altro caposaldo del movimento cyber . Il videogioco diventa la nuova alternativa della vita umana e questa dimensione parallela è il “non luogo” dove si ama, si combatte, si vince o si muore. Ne sono un esempio la trilogia di Matrix o “Avalon” di Mamoru Oshii (il regista di “Ghost in the shell”), ma anche il recente “Inception” del 2010 di Nolan: ambientato ai giorni nostri, ma strutturato come un libro di Gibson. La svolta e l’originalità del film sono dati da una rivisitazione della “matrice”. I cowboy della consolle, anziché connettersi con la rete, si connettono direttamente con i sogni e con il subconscio delle persone.

Bjork: "All is love" video di Chris Cunningham  - cyberpunk

Bjork: “All is love” video di Chris Cunningham

Altro aspetto fondamentale della fantascienza moderna è la simbiosi uomo-machina. L’assenza di distinzioni nette fra carne e silicio. Le macchine e i computer non sono più elementi estranei e nemici che invidiano la nostra umanità (“Generazione Proteus”), ma sono parti integranti del proprio corpo, poco più che delle estensioni dei propri arti. Non possedere una porta USB sulla nuca è un po’ come essere un dattilografo senza dita. Tetsuo (Shinya Tsukamoto) soffriva e godeva durante la propria trasformazione, i protagonisti di eXistenZ (Cronenberg) si eccitano collegandosi al pod tramite le proprie bio-porte.

Ranxerox - Stefano Tamburini Adult comic Cyberpunk

Un’icona Cyberpunk: Ranxerox di Stefano Tamburini e Tanino Liberatore

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi