Ravenna Nightmare Film Festival 2011

RNFF 2011LOGO - Ravenna Nightmare Film FestivalÈ la notte delle streghe e a Ravenna si festeggia il nono compleanno del Nightmare Film Festival.
Quest’anno (con nostra enorme gioia) le proiezioni si spostano dalla sterile e periferica multisala, al Cinema Corso, in pieno centro di Ravenna, adiacente a Sant’Apollinare Nuovo (Basilica del VI secolo).

Nightmare in a demaged Brain - Romano Scavolini - Ravenna Nightmare FIlm Festival 2011

Nightmare in a demaged Brain – Romano Scavolini

L’anniversario di quest’anno è il 30° di un film maledetto, censurato un po’dappertutto: Nightmare in a demaged brain. Un piacere (ri)scoprire questo irreperibile film di Romano Scavolini, slasher del 1981 di estrema violenza. La pellicola si ispira a fatti letti dal regista sul New York Times relativi al programma di ricerca MK-Ultra “…nel quale si prestava particolare attenzione alla decisione del governo di usare vari tipi di droghe e psicofarmaci su malati mentali allo scopo di manipolare il loro stato psichico…” (tratto dalla guida al RNFF 2011). Il maniaco assassino di “Nightmare in a demaged brain” inizia, infatti, a mietere vittime dopo essere scappato dalle torture mediche di un ospedale psichiatrico.

Con un esordio fulminante come questo ci si aspettava molto di più dai film in concorso quest’anno.
Invece il 2011 mostra la stanchezza in troppi prodotti di genere. Domina ancora il “Rape & Revenge” e un po’ di “Torture Porn” che ormai iniziano ad annoiare. Si spreme un genere tornato prepotentemente di moda ormai da un decennio.
Secuestrados”, il meritato vincitore di questa edizione, si inserisce nel filone “Funny games”, ma, a differenza di Haneke, lo spagnolo Miguel Angel Vivas ci propone una storia paurosamente credibile. Una banda di delinquenti fa irruzione nella villa di una ricca famiglia per derubarli. Inutile dire che le leggi di Murphy valgono sia per i sequestratori che per i sequestrati.
Rabies” film israeliano impregnato dell’onnipresente tensione che serpeggia in quella nazione.
Un serial killer va a caccia di persone in un bosco, una delle vittime scappa e chiede aiuto a due coppie di ragazzi. Purtroppo in loro soccorso arriva la polizia che, abusando del proprio potere, molesta il più possibile una delle ragazze. Scoppia un  “tutti contro tutti” nella riserva naturale che si scopre pure minata, in un crescendo di ironici fraintendimenti. Si salverà solo il serial killer.
The-Bunny-Game - Ravenna Nightmare Film FestivalBunny Games” strana operazione dello statunitense Adam Rehmeier.
Una prostituta tossicomane viene sequestrata da un camionista che la sottopone a ogni genere di tortura psicologica e fisica. L’attrice protagonista rivive nel film la traumatica esperienza subita realmente da giovane, concedendosi a scene degradanti ed esplicite, attraverso un processo terapeutico filmico. Catarchico per il regista. Noioso e inutile per lo spettatore.
Peccato perché inizia bene con la squallida descrizione della quotidianità della donna. La scelta del bianco e nero conferisce al film un’arroganza autoriale ben lontana dai suoi intenti catarchici. Sembra un progetto più furbo che valido, o, forse, fra 15 anni sarà un cult per perditempo.
Crawl”, giustamente presentato come un “Blood Simple” del 2011, si prende tutto il tempo e la lentezza necessaria per farci gustare i suoi strani personaggi e le loro orrendi fini.

L’horror più classico lo si trova in pellicole minori che non hanno il coraggio di osare o di essere originali. “Masks” è un bell’omaggio al cinema di genere italiano (i primi Dario Argento, Deliria, il Fulci per-gore). “Exorcismus” film scontatissimo che vive solo in funzione di un finale intelligente.
Il pluripremiato “Absentia” nel suo piccolo sa spaventare, mentre “Skew” annoia con i soliti trucchetti da finto filmino amatoriale.

Hellacious Acres The case of John Glass - Ravenna Nightmare FIlm Festival 2011Divertente il super low budget canadese “Hellacious Acres – the Case of John Glass” di Pat Tremblay. Il soldato John Glass viene svegliato dal sonno criogenico e informato in maniera sbrigativa che il pianeta Terra è stato devastato dalla terza guerra mondiale e successivamente invaso da una ostile razza aliena. Gli viene affidata una missione insensata degna del peggior videogioco. John Glass attraversa per due ore campi desolati e solitari, incontrando strani personaggi, alieni fluttuanti, commilitoni impazziti…ma il peggio è fare i conti con la fame, litigare con la propria tuta antiradiazioni difettosa, affrontare gli effetti collaterali del teletrasporto e rischiare la morte a causa dei medicinali contro gli effetti collaterali del teletrasporto. Intelligente e  ironico.

Hellacious Acres The case of John Glass - Ravenna Nightmare FIlm Festival 2011

Un tranquillo posto in campagna - Elio Petri - Ravenna Nightmare FIlm Festival 2011

Un tranquillo posto in campagna – Elio Petri

Ottima la rassegna “Deliri d’autore”con il bellissimo “Un tranquillo posto in campagna” (1968)  di Elio Petri in grado di stupire parlando d’arte, storia, ossessioni e amori segreti senza dimostrare i suoi 40 anni abbondanti. L’inquietante “L’australiano” (1978) del grande Jerzy Skolimowski (e suoni curati da Tony Banks e Mike Rutherford dei Genesis) che non ha bisogno di presentazioni e “Le orme” (1975) di Luigi Bazzoni, elegante, ma una gran boiata.

A proiezioni finite consigliamo una bevuta al Barnum lì vicino dopo la ferrovia.

The shout - L'australiano Jerzy Skolimowski - Ravenna Nightmare FIlm Festival

L’australiano di Jerzy Skolimowski

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi