Biennale d’arte di Venezia 2011 – Palazzo Fortuny – Fondazione Vedova.

Venezia  Biennale Arte 2011

CRASH - Padiglione Ungherese Hajnal Németh - Ballard sbarca alla Biennale dopo 40 anni.

2011 annus horribilis per la Biennale d’arte di Venezia.
Era da diverso tempo che non si allestiva una Biennale d’arte così vuota, inutile e curata male. In tempo di crisi mondiale mi aspettavo di vedere, attraverso la lente dell’arte, uno specchio di questi anni di tensione e cambiamenti. Un po’come la Biennale del 2005 a ridosso delle guerre del nuovo millenio.
Nulla.

Venezia Biennale d'Arte 2011

Alcuni buoni motivi per non partecipare alla Biennale scritti sulla polvere del padiglione Rumeno

La mostra “Illuminazioni” ai Giardini è una cozzaglia di cose messe senza amore. Perfino la grande sala con 4 quadri del Tintoretto diventa di cattivo gusto in un simile contesto.
Dal tetto di ogni stanza i piccioni impagliati di Cattelan restano attoniti a osservare l’arte per cui hanno dovuto immolarsi.
A salvarsi:

han hoogerbrugge

Han Hoogerbrugge

Nel Padiglione OLANDA il breve cartone animato di Han Hoogerbrugge.
Padiglione COREA: Lee Yongbaek.
La sala principale del padiglione è tappezzata di gigantografie di soldati mimetizzati in una foresta di sgargianti fiori artificiali, intitolate Angel-Soldier. Un video li ritrae mentre avanzano lentamente in questo finto ambiente floreale.
Nella sala più piccola si trova Broken Mirror, un’installazione di specchi e schermi piatti collegati a un computer. Al suono improvviso di spari, sugli specchi viene proiettato a rallentatore l’infrangersi delle loro superfici.
Le cornici contengono l’immagine della deflagrazione dei vetri.

Padiglione GERMANIA: celebra l’eclettico Christoph Schlingensief, allestendo il padiglione come l’interno di una Chiesa (vedi l’articolo successivo). Sull’altare vengono proiettati i suoi film e documentari. Curioso vedere come la gente, entrando, automaticamente si faccia il segno della croce.

FRANCIA: carina la fabbrica dei bambini di Christian Boltanski famoso per le sue installazioni giganti piene di fotgrafie, ricordi e oggetti.

L’Arsenale non è molto meglio.
Poche idee, realizzate malissimo in maniera sbrigativa.

Divertente la videoinstallazione “The Clock” di Christian Marclay: filmato che dura 24 ore formato da spezzoni di film in cui sono visibili orologi che indicano l’ora in tempo reale.
Il peggio arriva alla fine: il Padiglione Italia con la mostra nella mostra L’Arte non è Cosa Nostra. Se il museo della Mafia, nonostante sia un po’ fuori luogo, ha un suo valore storico di banca della memoria, il resto è miseria.

Per il Padiglione Italia, Sgarbi invita un certo numero di intellettuali, residenti nella nostra nazione, a scegliere un’opera di un’artista. (Scarica qui il PDF di V.S.  sulle linee guida della Biennale)
Una scelta, dichiara l’onorevole Vittorio, contro i mercati delle gallerie sempre più chiusi in se stessi e contro i critici che tendono a far restare elitaria l’arte. Scelta interessante e curiosa, ma il risultato è disastrosamente imbarazzante a partire dalla scelta degli intellettuali: troppi e autoproclamatisi tali.

Venezia  Biennale Arte 2011

Draghi e minotauri di spazzatura.

Emergono solo due cose: il disprezzo di Sgarbi per il contemporaneo e il “sistema italia” (minuscolo). Troppi interpellati hanno invitato a esporre alla Biennale amici e parenti che, probabilmente, non avrebbero mai avuto una chance di entrare alla Biennale.
Inutile chiedersi in quale porto abbiano lavorato gli allestitori fino al giorno prima, visto che i quadri sono tutti ammonticchiati uno sopra l’altro senza il minimo gusto o attenzione visiva. La peggiore vetrinista del mondo avrebbe fatto molto meglio.

Venezia  Biennale Arte 2011

L'uomo candela che si consuma lentamente

Biennale Venezia 2011

Scritta trovata nei bagni dell'Arsenale: "Sgarbi evita l'arte. Datti all'ippica, ma non come fantino, come cavallo."

Sgarbi, ormai, vende alle mostre il suo nome pensando sia una garanzia di qualità (artistica e politica). Scrive in un perfetto italiano una paginetta di presentazione (in cui non mancano riferimenti alle lotte politiche per cui viene assoldato di volta in volta – vedi gli inutili accenni alle centrali eoliche che deturpano il paesaggio), organizza un vernissage con qualche altro nome di prestigio e il suo lavoro è fatto. Via alla ricerca di un’altra marchetta. Scemo chi ancora lo cerca (e lo paga).

Tutt’altro che scontata, invece, la mostra a Palazzo Fortuny (giunta alla quinta edizione), che accompagna il visitatore all’interno del bellissimo palazzo recentemente restaurato, mostrando, con immenso gusto, opere d’arte contemporanea accanto a capolavori del passato, manufatti di culture precristiane collezionate da Fortuny nell’arco della sua vita e artigianato locale del 600.

Meritevole anche la doppia esposizione di Emilio Vedova e Anselm Kiefer all’antico “Magazzino del Sale” reinventato da Renzo Piano 2 anni fa.

Fondazione Vedova - Emilio Vedova

Fondazione Vedova - Emilio Vedova

Fondazione Vedova - Anselm Kiefer

Fondazione Vedova - Anselm Kiefer

Fondazione Vedova

Fondazione Vedova - Zhonqui Gen

Fondazione Vedova

Fondazione Vedova

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi