Blues Funeral – MARK LANEGAN il becchino del BLUES

Mark Lanegan _ Blues funeralCome iniziare meglio il 2012 se non con una nuova uscita di Mark Lanegan?
Sono passati più di 7 anni dal suo ultimo album solista “Bubblegum”. In questo periodo non è stato certo con le mani in mano: eccezionali le collaborazioni con i Queens of the Stone Age e belle, ma diventate un po’ monotone, quelle con Isobel Campbell. Tutte le canzoni in cui presta la sua voce acquistano una marcia in più, come nella recente collaborazione con U.N.K.L.E. – “Another Night Out“. Ma un suo nuovo personale lavoro era atteso da tempo.

Blues Funeral” ci accoglie con una vecchia tappezzeria floreale in copertina e con l’incalzante ritmo della canzone del becchino (“The Gravedigger’s Song”) a cui segue la ballata “Bleeding Muddy Water”. Cieli cupi e romanticismo decadente che concettualmente richiamano le Murder Ballades di Nick Cave, ma man mano l’ascolto avanza, si insinua un nuovo retrogusto, inusuale per il cantautore statunitense. Dalla spaghetti western “St. Louis Elegie” iniziano a introdursi synth  e pesanti drum-machine che esplodono nella ballabile “Ode to Sad Disco”. Lanegan svecchia, con questa semplice e bella canzone, lo stereotipo del cantautore preso male che vive di melodie passate. “Quiver Syndrome”, con tanto di coretti e effetti speciali, arriva come un paio di allegri schiaffoni. Il finto pop anni 80 di “Harborview Hospital” spiazza. “Leviathan”, con il suo accumularsi di cori e tastiere, sembra uscita da un musical degli anni `60. “Deep Black Vanishing Train” è un blues in cui la voce tuona lenta su un tappeto di flauti e loop in sottofondo. “Tiny Grain of Truth” è un accumularsi di ogni genere di effetti.

Impossibile annoiarsi in questo album. Lanegan riesce a dare compattezza anche a un album così musicalmente disordinato grazie alla sua inconfondibile voce che prevale su ogni strumento. Poco importa se la canzone più bella, forse, è ancora la più classica. “Blues Funeral” stupisce sapendo spaziare dal blues acido che ha caratterizzato il cantautore, a sonorità elettroniche.
Emblematico a questo punto il titolo.
Un funerale che celebra una rinascita a colori, anche se dal recente concerto non si direbbe.
Mark Lanegan Poster ConcertLanegan sale sul palco e canta per un’ora e mezza di fila come se si trattasse di un suo affare privato in cui il pubblico non è contemplato. Bellissimo e bravissimo, ma distante, perso nel suo oscuro mondo color whiskey. Lui curvo e quasi immobile sul microfono mentre la sua voce dà spettacolo: furiosa, intima, roca e cavernosa o inaspettatamente melodiosa (in “One Way Street”).  Pochi bis poi un addio con l’alcolica “Methamphetamine Blues”.

A fine concerto il cantautore concede gli autografi, ma non i sorrisi.

The Gravedigger’s Song”
with piranha teeth
I been dreaming of you
and the taste of your love so sweet
honest its true

through my heart flows sleep
and the dark heavy rain
where the gravedigger’s song is sung
you’ve been torturing me

tout est noir, mon amour
tout est blanc
je t’aime, mon amour
comme j’aime la nuit

love, is the medicine good?
is the crow flying eight miles high?
over wire and wood

shovel down six feet
with a head heavy pain
the magnolia blooms so sweet
and it fades just the same

to the stars my love
to the sea
to the wheels my love
till they roll all over me

oh love, i been thnking of you
with razor white teeth so sharp
honest its true

in my blood flows sleep
and the dark heavy rain
the magnolia blooms so sweet
only torturing me

to the stars my love
to the sea
to the wheels my love
till they roll all over me

  1. The Gravedigger’s Song
  2. Bleeding Muddy Water
  3. Gray Goes Black
  4. St. Louis Elegy
  5. Riot In My House
  6. Ode To Sad Disco
  7. Phantasmagoria Blues
  8. Quiver Syndrome
  9. Harborview Hospital
  10. Leviathan
  11. Deep Black Vanishing Train
  12. Tiny Grain Of Truth

1 commento

  1. Hello friends, nice article and pleasant urging commented here, I am in fact enjoying
    by these.

    Mi piace


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi