The BONE SNATCHER – le formiche demoniache della Namibia

the bone snatcherRemake, prequel e sequel andrebbero fatti per film realizzati malissimo, non per capolavori come Alien (o Blade Runner?)! Questo “The Bone Snatcher” sarebbe un ottimo materiale. Il film fa schifo non per l’ambientazione, non per la trama (essenziale come un qualunque slasher) e neppure per il mostro. E’ solo un film senza un minimo di atmosfera, che risulta poco credibile in ogni scena, recitato in maniera pessima e sceneggiato da un’analfabeta. I dialoghi sono solo frasi campionate da mille altri film “Qui sta succedendo qualcosa di strano!”, “Solo restando uniti e con la razionalità possiamo uscire vivi da qui”, “Questo è il nido e in ogni nido c’è la sua regina”, “Ucciderà ancora e noi dobbiamo fermarlo!”, ecc. Regia da telefilm anni ’80. Effetti speciali patetici nonostante un buon budget.

Tre geologi spariscono misteriosamente nel deserto della Namibia. Alla loro ricerca partono i trucidi colleghi del campo base, insieme a un giovane scienziatello che non si capisce come sia finito lì da Vancouver. (Il film è coprodotto dal Canada, spiegherebbe le scene iniziali ambientate nella città nordamericana). Lì li aspetta un demone della tradizione africana che li ammazzerà tutti, tranne i belli.

Allora che c’è di buono in questa noia? Il mostro assassino, degno di entrare nella mitologia dei migliori incubi cinematografici accanto a Alien, Frankenstein, Predator, Pinhead e tutti gli altri. Il demone è un’orda di formiche cannibali che, raccogliendo le ossa delle vittime, si manifesta in un essere dalle sembianze animali. In base alla quantità di carcasse che trova, il suo aspetto cambia di volta in volta.
Le potenzialità del film? Innumerevoli: il deserto e la sua natura mortale, le superstizioni locali, l’odio fra bifolchi bianchi e scaramantici africani, la paura di attacchi da parte di bande di mercenari e predoni. La presenza stessa dei geologi in Namibia sarebbe stata da approfondire: i diamanti. Per i diamanti si può uccidere e i geologi, inizialmente, credono più a questa pista piuttosto che a quella demoniaca. Tutti aspetti completamente ignorati o trattati in modo assolutamente infantile.

Una visione vivamente consigliata solo a chi volesse dirigerne il seguito o il remake.

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi