4:44 LAST DAY on EARTH – la catastrofe democratica di Abel Ferrara

444-Last-Day-On-Earth-Movie-Poster

Sono di parte lo ammetto. Amo Abel Ferrara e mi piacciono i suoi film nonostante “Go Go Tales” e la sua versione di “Body Snatchers”. Mi spiace, quindi, vedere ignorato “4:44 Last Day on Earth” presentato a Venezia 2011. L’unico difetto del film è essere stato realizzato lo stesso anno di “Melancholia”. 4:44 non pretende di competere con il capolavoro di Lars von Trier (chi non lo considera tale non ha guardato il film, ma si è limitato a farsene un’opinione tramite le interviste al suo irritante regista). Il tema di entrambi i film è uguale: la fine del mondo: causata dalla collisione della Terra con un altro pianeta in “Melancholia”, dovuta alla scomparsa dell’ozono dall’atmosfera e al conseguente collasso dell’ecosistema in “4:44 Last Day on Earth”.

4.44 The Last day on Earth - Abel Ferrara

4.44 The Last day on Earth – Willem Dafoe

Ma le analogie terminano qui. Nel film del danese c’è la speranza, l’incertezza e l’incredulità che tutto finisca e la conseguente delusione. L’apocalisse è personale e intima. Si è soli in fronte alla morte. Abel Ferrara, invece, mette in scena il giorno più democratico del nostro pianeta: la morte arriverà per tutti indistintamente il giorno X alle ore 4:44 ora di NewYork. Un avvenimento collettivo che unisce tutta l’umanità per la prima e unica volta.

Come spendere le ultime 20 ore? Scopando come matti è la più ovvia risposta per l’attore Cisco (Willem Dafoe) e la sua giovane compagna pittrice Skye (Shanyn Leigh). Oltre a questo una cena romantica, un po’di meditazione e un saluto ad amici e parenti tramite Skype (vero protagonista del film), ma le relazioni sono complicate e i rancori non si mettono da parte neanche in un momento come questo. Cisco litiga con la ex via Skype, cercando di riappacificarsi le spiega che ha amato solo lei in fronte a Skye, combinando un gran bel casino. Esce di casa per comprarsi un po’ di ero attraversando i quartieri della NY che solo Ferrara sa rendere così squallida e affascinante allo stesso tempo. Ma la fidanzata gli impedirà di sballarsi per rimanere coscienti fino all’ultimo, abbracciati, insieme nella morte.

4.44 The Last Day on Earth - Abel Ferrara

4.44 The Last Day on Earth – Shanyn Leigh saluta Anita Pallenberg

Commuovente la scena in cui il ragazzino coreano sfigato che porta la pizza a domicilio per l’ultima volta chiede in un inglese incomprensibile di usare la rete per salutare i suoi famigliari lontani. Finita la conversazione torna frastornato alla sua solitudine in attesa di morire.

In un’altra scena bellissima Dafoe dopo aver dato un po’ di matto spia con il binocolo cosa fanno le altre persone chiuse nei loro appartamenti. C’è chi si suicida, chi dà da mangiare al cane, chi guarda la TV. Gli ultimi notiziari intervistano uno dei “responsabili” di questa catastrofe che, manco a dirlo, si professa innocente.

Un po’scontato il finale con flusso di coscienza collettivo fatto d’immagini d’archivio da tutto il mondo.

Ottima regia, nonostante sembri (e probabilmente è) un film girato in fretta e furia giusto per essere presentato a Venezia prima del catastrofico anno 2012.

Cameo di Anita Pallenberg che interpreta l’improbabile madre di Skye.

4.44 Last Day on Earth - Abel Ferrara

4:44 Last Day on Earth - Abel Ferrara

4:44 Last Day on Earth - Abel Ferrara

4:44 Last Day on Earth - Abel Ferrara

4:44 Last Day on Earth - Abel Ferrara

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi