GIAPPONE ISOLA SADICA. HORRORS of MALFORMED MEN – Teruo Ishii lo Jodorowsky giapponese

Horrors of Malformed Men

Horrors of Malformed Men

Horrors of Malformed Men” è un incredibile film del 1969 diretto da Teruo Ishii.

Ishii si ispira ai racconti di Edogawa Rampo, in particolar modo a “La Strana Storia dell’Isola Panorama” (ma anche “La Sedia Umana” e “Watcher  in the Attic”) condensandoli, in modo assolutamente incongruente, in questa bizzarra pellicola. Difficile comprendere la trama e decifrare la successione degli eventi che iniziano in un manicomio criminale femminile, proseguono in un circo e approdano all’Isola Panorama.

Horrors of Malformed Men

Horrors of Malformed Men

Lo studente di medicina Hirosuke per indagare sull’assassinio di un’amica, si sostituisce a Komoda Genzaburo recentemente scomparso. La somiglianza fra i due è impressionante. Hirosuke disseppellisce il cadavere e inscena il ritorno da una morte apparente. I suoi familiari e collaboratori accettano la situazione, nonostante qualcuno dubiti di lui. Hirosuke si trova al centro di ricatti ed eventi misteriosi che sembrano condurre al padre di Ganzeburo (l’ambiguo e istrionico coreografo-ballerino Hijikata Tatsumi) ritiratosi a vita solitaria su un’inquietante isola. Dopo l’uccisione della finta moglie per mano di due nani deformi, Hirosuke decide di visitare l’isola. Qui scoprirà gli orrendi segreti del padre di Genzaburo: un essere dalle dita palmate con il carisma di un nuovo messia che in segreto ha creato una comunità di esseri deformi. La storia si complica inutilmente ingarbugliandosi e sbattendo in vicoli ciechi, ma, nonostante tutto, l’atmosfera onirica e malsana del film ripaga completamente questa inconsueta visione. Più che un classico ero guro sembra di assistere a uno dei primi film di Jodorowsky, in particolar modo durante la lunga visita dell’isola in cui il padre dalle mani palmate mostra le meraviglie del suo reame grottesco e incantato composto da ballerine, creature mostruose, sirene, statue umane e nani. Una sequenza d’immagini surreali e visionarie di grande impatto.

Horrors of Malformed Man

Horrors of Malformed Men

Hijikata Tatsumi gigioneggia muovendosi in modo contorto e sensuale tipico del Butoh, la tecnica di danza da lui inventata, mentre Ishii sperimenta e spiazza in continuazione, lasciando lo spettatore disorientato.

Temi come incesto, malattia mentale, necrofilia confinarono la pellicola a un lungo periodo di oblio. Il regista non era certo nuovo a questi temi (vedi “Inferno Torture”), ma la deformità era ancora una ferita aperta nel Giappone del dopo guerra. Ancora oggi non è disponibile in video.

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi