Shinya TSUKAMOTO – la nuova CARNE contro la CITTA’

SHINYA TSUKAMOTO movie poster: "Le A vventure del Ragazzo del Palo

SHINYA TSUKAMOTO movie poster: “Le Avventure del Ragazzo del Palo Elettrico” 1987 “Hiruko the Goblin” 1990 – “Tetsuo – Saga” 1987 – 2011

1987 “Le Avventure del Ragazzo del Palo Elettrico” (mediometraggio)
Gradimento: 10
Sgangheratissimo cortometraggio che ispirerà la saga di “Tetsuo“. Un ragazzo si trova proiettato nel futuro a combattere dei vampiri che, grazie a una bomba alimentata dal corpo di una donna, progettano di oscurare definitivamente il pianeta. Il destino del ragazzo è riportare, grazie al proprio palo elettrico, la luce alla fine di un epoca oscura. Parabola elettrica.

1989 “Tetsuo: the Iron Man”
Gradimento: 10
Un cult cyberpunk. “…Corpi ridotti al solo cervello e una città sempre più forte. L’uomo deve lottare contro di essa, utilizzando il proprio corpo e fare in modo che la carne si trasformi in ferro per combattere ad armi pari…” Shinya Tsukamoto.

1990 “Hiruko the Goblin
Gradimento: 5
Un divertimento splatter. Da vedere solo per le virtuose soggettive degli schifosi ragni demoniaci e qualche scena disgustosa.

1992 “Tetsuo II: Body Hammer
Gradimento: 10
“Tetsuo è il tentativo di assimilare fisicamente i processi dello sviluppo urbanistico: una sfida lanciata ai grattacieli…per sopravvivere devi entrare in competizione con il tuo stesso corpo.” Shinya Tsukamoto.

1995 Tokyo Fist
Gradimento: 7
L’uomo medio, ricorrente nelle opere del regista, è represso e incapace di vivere. Occorre risvegliarlo a suon di pugni, tanto da trasformare il dolore in piacere. La violenza gli ricorda che possediamo un corpo da contrapporre alle fredde geometrie metropolitane. Nei bassifondi caldi e sudati della città si allena il corpo per combattere i grattacieli che rubano il cielo. In questa storia d’amore splatter Tsukamoto riutilizza in modo più consapevole le tematiche care a Tetsuo.

1998 “Bullet Ballet
Gradimento: 9
In questo industrialnoir i didascalici cromatismi di “Tokyo Fist” vengono sostituiti da uno sgranato bianco e nero in cui i dettagli della città si confondono col sangue nero dei corpi. La fidanzata del protagonista viene uccisa da una gang di sbandati. Lui apparentemente continua a fare la vita mediocre di tutti i giorni, ma, parallelamente, sviluppa un feticismo nei confronti dell’arma che ha ucciso la sua donna. L’ossessione per la pistola e l’infatuazione per una sbandata, lo trascineranno nei più sordidi angoli della città, fra gang rivali, droga, musica industrial (di Chu Ishikawa ) e tanta violenza. “Bullet Ballet” è l’apice della tematica corpo/metropoli.

SHINYA TSUKAMOTO movie poster: "Tokyo Fist" 1995 - "Bullet Ballet" 1998 - "Gemini" 1999 - "A Snake of June" 2002 - "Vital" 2004 - "Haze - Il Muro" 2005 - "Nightmare Detective 1" 2006 - "Nightmare Detective 2" 2008 - "Kotoko" 2011

SHINYA TSUKAMOTO movie poster: “Tokyo Fist” 1995 – “Bullet Ballet” 1998 – “Gemini” 1999 – “A Snake of June” 2002 – “Vital” 2004 – “Haze – Il Muro” 2005 – “Nightmare Detective 1” 2006 – “Nightmare Detective 2” 2008 – “Kotoko” 2011

1999 Gemini
Gradimento: 7
Ambientazione storica inusuale per il regista e ispirato a un racconto di Edogawa Ranpo. La vita di un benestante medico viene sconvolta dall’arrivo di un malefico sosia che si sostituisce a lui, svelandogli molti misteri annidati in famiglia. Resta la stessa violenza malsana. Inquietante la baraccopoli di delinquenti ai margini della città.
La breve scena prima dei titoli di coda è epica quanto il finale di “Tetsuo” complice la stupenda colonna sonora di Chu Ishikawa.

2002 A Snake of June
Gradimento: 10
Il film più riuscito e completo di Tsukamoto. Una storia d’amore a tre dipinta di blu e bagnata da un’incessante pioggia. Perversione, malattia, dominazione, temi ricorrenti in tutti i film del regista, qui trovano per la prima volta uno sbocco più romantico e poetico. Rinko è la moglie repressa di un uomo d’affari freddo e distaccato. Le pesanti attenzioni di uno stalker porteranno la donna a ritrovare la propria sessualità perduta. Il cancro, che divora sia la donna che lo stalker, li porterà a un livello d’intimità deviato.

2004 Vital
Gradimento: 8
Dopo “A Snake of Juneun’altra storia d’amore minimalista e malata. Hiroshi, uno studente di medicina, in un incidente stradale perde la memoria e la fidanzata. Ripresi gli studi di anatomia decide di fare pratica sul corpo della sua ex insieme a una compagna di corso innamorata di lui. Dissezionando il cadavere della sua ragazza ritrova i fili della sua vita precedente e rielabora il trauma. Una storia necrofila trattata con inusuale delicatezza.

2005 “Haze – Il Muro“(mediometraggio)
Gradimento: 6
Un lavoro piuttosto confuso, vicino ai torture porn made in USA. Indimenticabile la sgradevolissima parte iniziale in cui il protagonista, per liberarsi della catena che lo lega, sfrega i denti per tutta la lunghezza di un tubo di ferro arrugginito.

2006 “Nightmare Detective
Gradimento: 4
La versione giapponese di Dylan Dog. In fondo né il primo né il secondo episodio sono privi di fascino, ma sono decisamente più convenzionali e si aggiungono solamente al filone J-horror inaugurato da Takashi Shimizu. Molto suggestive le scene in cui il detective sprofonda nei sogni dei “pazienti” (annegando lentamente in un enorme oceano).

2008 “Nightmare Detective 2
Gradimento: 5
Stranamente questo secondo episodio è migliore del precedente. L’assenza di un’improbabile ambientazione poliziesca mette Tsukamoto più a suo agio con il personaggio. Qualche scena memorabile: il detective dell’incubo che entra in un sogno spogliandosi del corpo come un vestito, i volti sfondati come bambole che ossessionano gli incubi della ragazza, il fantasma della madre che galleggia in aria, la processione della scolaresca zombie.

2009 “Tetsuo: the Bullet Man”
Gradimento: 6
A vent’anni dall’uscita del primo “Tetsuo”, Tsukamoto si autocelebra con questo terzo episodio. Nulla di nuovo tanto da sembrare più un videoclip che il capitolo conclusivo della saga, ma per i nerds della serie rimane una gioia vedere questo nuovo episodio a cominciare dai titoli di testa commentati dalla martellante musica industrial dei Nine Inch Nails.

2011 Kotoko
Gradimento: 10
Una pellicola decisamente dolorosa, che, nonostante la distanza stilistica dalle prime opere, rappresenta a pieno l’universo perverso, violento e poetico di Tsukamoto.

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi