Shinya TSUKAMOTO – la nuova CARNE contro la CITTA’

SHINYA TSUKAMOTO movie poster: "Le A vventure del Ragazzo del Palo

SHINYA TSUKAMOTO movie poster: “Le Avventure del Ragazzo del Palo Elettrico” 1987 “Hiruko the Goblin” 1990 – “Tetsuo – Saga” 1987 – 2011

1987 “Le Avventure del Ragazzo del Palo Elettrico” (mediometraggio)
Gradimento: 10
Sgangheratissimo cortometraggio che ispirerà la saga di “Tetsuo“. Un ragazzo si trova proiettato nel futuro a combattere dei vampiri che, grazie a una bomba alimentata dal corpo di una donna, progettano di oscurare definitivamente il pianeta. Il destino del ragazzo è riportare, grazie al proprio palo elettrico, la luce alla fine di un epoca oscura. Parabola elettrica.

1989 “Tetsuo: the Iron Man”
Gradimento: 10
Un cult cyberpunk. “…Corpi ridotti al solo cervello e una città sempre più forte. L’uomo deve lottare contro di essa, utilizzando il proprio corpo e fare in modo che la carne si trasformi in ferro per combattere ad armi pari…” Shinya Tsukamoto.

1990 “Hiruko the Goblin
Gradimento: 5
Un divertimento splatter. Da vedere solo per le virtuose soggettive degli schifosi ragni demoniaci e qualche scena disgustosa.

1992 “Tetsuo II: Body Hammer
Gradimento: 10
“Tetsuo è il tentativo di assimilare fisicamente i processi dello sviluppo urbanistico: una sfida lanciata ai grattacieli…per sopravvivere devi entrare in competizione con il tuo stesso corpo.” Shinya Tsukamoto.

1995 Tokyo Fist
Gradimento: 7
L’uomo medio, ricorrente nelle opere del regista, è represso e incapace di vivere. Occorre risvegliarlo a suon di pugni, tanto da trasformare il dolore in piacere. La violenza gli ricorda che possediamo un corpo da contrapporre alle fredde geometrie metropolitane. Nei bassifondi caldi e sudati della città si allena il corpo per combattere i grattacieli che rubano il cielo. In questa storia d’amore splatter Tsukamoto riutilizza in modo più consapevole le tematiche care a Tetsuo.

1998 “Bullet Ballet
Gradimento: 9
In questo industrialnoir i didascalici cromatismi di “Tokyo Fist” vengono sostituiti da uno sgranato bianco e nero in cui i dettagli della città si confondono col sangue nero dei corpi. La fidanzata del protagonista viene uccisa da una gang di sbandati. Lui apparentemente continua a fare la vita mediocre di tutti i giorni, ma, parallelamente, sviluppa un feticismo nei confronti dell’arma che ha ucciso la sua donna. L’ossessione per la pistola e l’infatuazione per una sbandata, lo trascineranno nei più sordidi angoli della città, fra gang rivali, droga, musica industrial (di Chu Ishikawa ) e tanta violenza. “Bullet Ballet” è l’apice della tematica corpo/metropoli.

SHINYA TSUKAMOTO movie poster: "Tokyo Fist" 1995 - "Bullet Ballet" 1998 - "Gemini" 1999 - "A Snake of June" 2002 - "Vital" 2004 - "Haze - Il Muro" 2005 - "Nightmare Detective 1" 2006 - "Nightmare Detective 2" 2008 - "Kotoko" 2011

SHINYA TSUKAMOTO movie poster: “Tokyo Fist” 1995 – “Bullet Ballet” 1998 – “Gemini” 1999 – “A Snake of June” 2002 – “Vital” 2004 – “Haze – Il Muro” 2005 – “Nightmare Detective 1” 2006 – “Nightmare Detective 2” 2008 – “Kotoko” 2011

1999 Gemini
Gradimento: 7
Ambientazione storica inusuale per il regista e ispirato a un racconto di Edogawa Ranpo. La vita di un benestante medico viene sconvolta dall’arrivo di un malefico sosia che si sostituisce a lui, svelandogli molti misteri annidati in famiglia. Resta la stessa violenza malsana. Inquietante la baraccopoli di delinquenti ai margini della città.
La breve scena prima dei titoli di coda è epica quanto il finale di “Tetsuo” complice la stupenda colonna sonora di Chu Ishikawa.

2002 A Snake of June
Gradimento: 10
Il film più riuscito e completo di Tsukamoto. Una storia d’amore a tre dipinta di blu e bagnata da un’incessante pioggia. Perversione, malattia, dominazione, temi ricorrenti in tutti i film del regista, qui trovano per la prima volta uno sbocco più romantico e poetico. Rinko è la moglie repressa di un uomo d’affari freddo e distaccato. Le pesanti attenzioni di uno stalker porteranno la donna a ritrovare la propria sessualità perduta. Il cancro, che divora sia la donna che lo stalker, li porterà a un livello d’intimità deviato.

2004 Vital
Gradimento: 8
Dopo “A Snake of Juneun’altra storia d’amore minimalista e malata. Hiroshi, uno studente di medicina, in un incidente stradale perde la memoria e la fidanzata. Ripresi gli studi di anatomia decide di fare pratica sul corpo della sua ex insieme a una compagna di corso innamorata di lui. Dissezionando il cadavere della sua ragazza ritrova i fili della sua vita precedente e rielabora il trauma. Una storia necrofila trattata con inusuale delicatezza.

2005 “Haze – Il Muro“(mediometraggio)
Gradimento: 6
Un lavoro piuttosto confuso, vicino ai torture porn made in USA. Indimenticabile la sgradevolissima parte iniziale in cui il protagonista, per liberarsi della catena che lo lega, sfrega i denti per tutta la lunghezza di un tubo di ferro arrugginito.

2006 “Nightmare Detective
Gradimento: 4
La versione giapponese di Dylan Dog. In fondo né il primo né il secondo episodio sono privi di fascino, ma sono decisamente più convenzionali e si aggiungono solamente al filone J-horror inaugurato da Takashi Shimizu. Molto suggestive le scene in cui il detective sprofonda nei sogni dei “pazienti” (annegando lentamente in un enorme oceano).

2008 “Nightmare Detective 2
Gradimento: 5
Stranamente questo secondo episodio è migliore del precedente. L’assenza di un’improbabile ambientazione poliziesca mette Tsukamoto più a suo agio con il personaggio. Qualche scena memorabile: il detective dell’incubo che entra in un sogno spogliandosi del corpo come un vestito, i volti sfondati come bambole che ossessionano gli incubi della ragazza, il fantasma della madre che galleggia in aria, la processione della scolaresca zombie.

2009 “Tetsuo: the Bullet Man”
Gradimento: 6
A vent’anni dall’uscita del primo “Tetsuo”, Tsukamoto si autocelebra con questo terzo episodio. Nulla di nuovo tanto da sembrare più un videoclip che il capitolo conclusivo della saga, ma per i nerds della serie rimane una gioia vedere questo nuovo episodio a cominciare dai titoli di testa commentati dalla martellante musica industrial dei Nine Inch Nails.

2011 Kotoko
Gradimento: 10
Una pellicola decisamente dolorosa, che, nonostante la distanza stilistica dalle prime opere, rappresenta a pieno l’universo perverso, violento e poetico di Tsukamoto.

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...