THEE SILVER MOUNTAIN ZION: Lui ci ha lasciati soli, ma fasci di luce, a volte, illuminano di grazia gli angoli delle nostre camere …

Thee Silver Mt. Zion

Thee Silver Mt. Zion: “He Has Left Us Alone but Shafts of Light Sometimes Grace the Corner of Our Rooms…” (2000), “Born into Trouble as the Sparks Fly Upward” (2001), “This Is Our Punk-Rock,” Thee Rusted Satellites Gather + Sing” (2003), “Horses in the Sky” (2005), “13 Blues for Thirteen Moons” (2008), “Kollaps Tradixionales” (2010), “The Pretty Little Lightning Paw” (EP 2004), “Song of the Silent Land” (Compilation 2004), “The West Will Rise Again” (EP 2012)

Thee Silver Mountain Zion sono un progetto collaterale della band canadese di culto Godspeed. You! Black Emperor.
Nel 1999 il chitarrista Efrim Munuck, insieme alla violinista Sophie Trudeau e al bassista Thierry Amar, si staccarono dai GY!BE per debuttare con un’opera fondamentale del post rock/prog anni 90: “He Has Left Us Alone but Shafts of Light Sometimes Grace the Corner of Our Rooms…” L’album risente ancora delle influenze dei Godspeed tranne per l’inclusione di parti cantate, rigorosamente assenti nei brani della band precedente. Atmosfere rarefatte, lunghissime suite e crescendo sovrapposti di archi caratterizzano questo folgorante esordio. Malinconico, romantico e intimista addirittura commovente nei suoi momenti più alti come “Blown-out Joy From Heaven’s Mercied Hole” o “13 Angels Standing Guard ‘Round The Side Of Your Bed” usata nella colonna sonora diMr.Lonelydi Harmony Korine nella suggestiva scena delle suore volanti.

Nei successivi lavori la formazione dei Thee Silver Mountain Zion si amplilerà (anche nel nome diventando Thee Silver Mountain Zion Memorial Orchesta & Tra-La-La Band e successivamente solo Thee Silver Mountain Zion Memorial Orchesta), prendendo derive un po’ più dinamiche. La nuova miscela rock psichedelica caratterizzata da archi e crescendo di chitarre elettriche non è sempre all’altezza del loro album d’esordio. I tanti brani brillanti vanno cercati e scoperti nella loro intera discografia.
Dal loro secondo album intitolato semplicemente “Born into Trouble as the Sparks Fly Upward” il brano musicale “Tho You Are Gone I Still Often Walk With You” è il tema del trailer della quarta serie di “Lost“, così come altri pezzi si sono prestati egregiamente a colonne sonore di film, documentari o pièces teatrali.

Dopo vari cambi di line-up pubblicano nel 2012 l’EP “The West Will Rise Again“. Un breve lavoro coerente con il loro sound, ma molto più energico. Eccezionale il brano d’apertura “What We Loved Was Not Enough part 1” che ricorda i Crime and City Solution.

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi