Le metamorfosi di OLIVIER DE SAGAZAN

Olivier de Sagazan paintOlivier De Sagazan

L’arte deve risvegliare i nostri sensi e i nostri pensieri.

Per tutte le religioni il volto è la regione più sacra del corpo. Il volto rappresenta l’identità e l’individualità.
L’artista francese Olivier de Sagazan, nelle sue performance artistiche, lavora sul proprio volto per distruggerne l’unicità, trasformandolo continuamente alla ricerca di una brutalità primitiva sepolta in fondo a se stesso. Grazie a continue applicazioni di argilla, sabbia, vernice e altri elementi, ricrea un nuovo essere, a volte mostruoso, altre delicato e poetico.

In “Trasfiguration“, la sua performance più famosa, l’artista si presenta ben vestito dietro un tavolo come se fosse un normale burocrate. Sul piano in fronte a lui ci sono secchi e vasche contenenti argilla, acqua e vernici da cui attinge per ricoprirsi il viso, rendendolo una tavola bianca su cui dipingere. Strati di materiale si sovrappongono nascondendo ogni tratto umano. Sulla testa umanoide Olivier de Sagazan disegna nuovi lineamenti, buca l’argilla creando gli occhi e squarcia gli strati di materia col pennello dando respiro alla bocca. L’operazione continua incessante in serie sempre diverse di mutazioni.

Olivier de Sagazan Paintings

Olivier de Sagazan Paintings

Durante tutta l’esibizione l’artista non vede e spesso non può respirare. Questo stato di privazione lo avvicina a una sorta di trance o di estasi in cui mostra ciò che è sepolto nella profondità della sua coscienza.

Gesto e linguaggio sono anch’essi sottoposti alla stessa trasfigurazione. Nuovi mantra e riti tribali vengono utilizzati per ridefinire se stessi.  La parola esplode in sconnessi ruggiti rabbiosi oppure é ripetuta sottovoce in maniera ossessiva fino a trasformarsi in puro suono.

Oliver de Sagazan  sculptures

Oliver de Sagazan sculptures

Se la scenografia della serie “Trasfiguration” si trasforma in un quadro di Francis Bacon, quella di “Hybridation” sembra un quadro di Caravaggio che, nel momento topico del bacio, cambia lentamente in un incubo di Jan Svankmajer.

Talvolta il ballo è inserito nei suoi spettacoli come ulteriore elemento di esplorazione corporea. Il corpo è un mezzo per raggiungere nuove verità spirituali.

Dai video delle sue performance Olivier de Sagazan dipinge e crea statue inquietanti in cui colore e movimento restituiscono la fisicità trasmessa dal vivo.

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi