MOEBIUS di kim Ki Duk – Il pene padre di tutti i mali.

Moebius-2_zps37c5a80b

Certi film, per contenuti e linguaggio, sono più vicini alla videoarte che al cinema. In qualche modo è il caso di questo lavoro di Kim Ki Duk in cui il regista sembra abbandonare ogni coerenza e stile pur di mettere in scena i suoi desideri e le sue paure e più inespresse.
Il regista coreano è diventato il Lars von Trier asiatico, entrambi persi nel pozzo delle proprie depressioni. Ma se il primo resta legato a una forte connotazione stilistica, il secondo tende a rimuoverla.

Il precedente “Arirang” è un documentario girato solo con una videocamera in cui il regista, ritiratosi per lungo tempo come un eremita in una tenda, confessa i suoi disagi esistenziali. Un documento struggente, narcisista e profondamente umano fatto di urla e pianti.
Se con “Arirang“si assiste a una seduta terapeutica di autoanalisi, con”Moebius” si diventa spettatori degli incubi del maestro coreano.
In “Moebius” i dialoghi sono assenti. I pochi attori non parlano, contano solo i loro gesti e i loro sguardi. La trama è un delirio freudiano ricco di incesti e castrazioni.

KimKiDuk moebius 1

Una madre, esasperata dai tradimenti del marito, cerca di castrarlo con un coltellaccio. Non riuscendoci si vendica sul figlio dopo averlo visto masturbarsi. Il padre, disperato, si interessa a come rendere nuovamente felice suo figlio privato della sua virilità e soggetto alle umiliazioni dei coetanei.
Inizialmente gli insegna con successo pratiche orgasmiche basate sul dolore e sulla delocalizzazione degli organi sessuali, per poi sottoporsi a un trapianto di cazzo, ma Il ritorno a casa della madre crea nuovo scompiglio. Lei, accortasi del trapianto, cerca in ogni modo di avere un rapporto sessuale col figlio. Il padre, impazzito dalla situazione e dalla gelosia, cercherà di castrare per la seconda volta il figlio per riappropriarsi del suo pene.
Tante le scene forti, talmente estreme e imbarazzanti da diventare ridicole come, per esempio, la vendetta dell’amante del padre e di suo figlio nei confronti di uno teppista che la stuprò.

KimKiDuk moebius 2

In “Moebius” il dolore fisico è l’unica zona in cui si può essere felici e avere un rapporto umano degno di nota. Al di fuori del dolore c’è solo la follia e la miseria.
Probabilmente se Kim Ki Duk non dirigesse film rischierebbe di diventare un maniaco autolesionista con tendenze omicide.

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...