MOEBIUS di kim Ki Duk – Il pene padre di tutti i mali.

Moebius-2_zps37c5a80b

Certi film, per contenuti e linguaggio, sono più vicini alla videoarte che al cinema. In qualche modo è il caso di questo lavoro di Kim Ki Duk in cui il regista sembra abbandonare ogni coerenza e stile pur di mettere in scena i suoi desideri e le sue paure e più inespresse.
Il regista coreano è diventato il Lars von Trier asiatico, entrambi persi nel pozzo delle proprie depressioni. Ma se il primo resta legato a una forte connotazione stilistica, il secondo tende a rimuoverla.

Il precedente “Arirang” è un documentario girato solo con una videocamera in cui il regista, ritiratosi per lungo tempo come un eremita in una tenda, confessa i suoi disagi esistenziali. Un documento struggente, narcisista e profondamente umano fatto di urla e pianti.
Se con “Arirang“si assiste a una seduta terapeutica di autoanalisi, con”Moebius” si diventa spettatori degli incubi del maestro coreano.
In “Moebius” i dialoghi sono assenti. I pochi attori non parlano, contano solo i loro gesti e i loro sguardi. La trama è un delirio freudiano ricco di incesti e castrazioni.

KimKiDuk moebius 1

Una madre, esasperata dai tradimenti del marito, cerca di castrarlo con un coltellaccio. Non riuscendoci si vendica sul figlio dopo averlo visto masturbarsi. Il padre, disperato, si interessa a come rendere nuovamente felice suo figlio privato della sua virilità e soggetto alle umiliazioni dei coetanei.
Inizialmente gli insegna con successo pratiche orgasmiche basate sul dolore e sulla delocalizzazione degli organi sessuali, per poi sottoporsi a un trapianto di cazzo, ma Il ritorno a casa della madre crea nuovo scompiglio. Lei, accortasi del trapianto, cerca in ogni modo di avere un rapporto sessuale col figlio. Il padre, impazzito dalla situazione e dalla gelosia, cercherà di castrare per la seconda volta il figlio per riappropriarsi del suo pene.
Tante le scene forti, talmente estreme e imbarazzanti da diventare ridicole come, per esempio, la vendetta dell’amante del padre e di suo figlio nei confronti di uno teppista che la stuprò.

KimKiDuk moebius 2

In “Moebius” il dolore fisico è l’unica zona in cui si può essere felici e avere un rapporto umano degno di nota. Al di fuori del dolore c’è solo la follia e la miseria.
Probabilmente se Kim Ki Duk non dirigesse film rischierebbe di diventare un maniaco autolesionista con tendenze omicide.

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi