“Norman Spinrad presenta: Il Signore della Svastica – un romanzo di Adolf Hitler”

Il SignoredellaSvastica

“Il Signore della Svastica” – “The Iron Dream”

In un futuro alternativo una guerra atomica ha devastato buona parte del pianeta. La popolazione sopravvissuta ha subito mutazioni genetiche dovute alla radioattività. Sono pochi ad avere un pedigree genetico interamente umano. Chi lo ha si fa chiamare verouomo e fa pesare la sua superiorità nei confronti della “feccia” mutante che lo circonda. Solo una piccola nazione è stata risparmiata quasi interamente dalla radioattività, ed è lì che vive la più alta percentuale di veriuomini di tutto l’Occidente. E’ la Repubblica Superiore di Heldon, dove le leggi razziali impediscono ai mutanti l’accesso alla frontiera.
Tuttavia queste leggi vengono fatte rispettate blandamente, con troppa leggerezza secondo Feric Jaggar, un verouomo fanatico del culto della purezza genetica. Jaggar è forte, intelligente e molto sicuro di sé. Ha raggiunto Heldon dopo aver vissuto in regioni “infette”, disgustato dalle popolazioni miste che le abitavano. Grande il suo orrore nel constatare che anche Heldon, lo stato della purezza idealizzato nei suoi sogni, è frequentato da frange mutanti e da movimenti politici di minoranza che vedono nella tolleranza il futuro della Repubblica.
Grazie al suo carisma, Jaggar riesce a risvegliare in fretta le coscienze assopite dei cittadini di Heldon, che in fondo mal tollerano l’inerzia e la pigrizia del governo in carica. L’avvento di un uomo forte, energico e risoluto, in grado di fare pulizia nei quartieri mutanti, è proprio il deus ex machina che aspettavano. Grazie a lui la Repubblica ritornerà a essere una nazione modello.
All’inizio Jaggar dovrà stringere accordi con una banda di teppisti motorizzati (una sorta di Hell’s Angels della foresta), che diventerà presto il suo gruppo fidato di guardie del corpo. Poi si appoggerà al partito ultranazionalista del luogo, che non riesce a imporsi per mancanza di polso e di vera capacità comunicativa. Inventerà un nuovo simbolo, disegnerà nuove divise per il partito e sfoggerà la potenza delle motociclette rombanti per le vie della città. Le sue bandiere sventoleranno sopra la nuova sede del partito e i suoi comizi nelle piazze infiammeranno gli animi delle folle. La sua capacità di trascinare le masse è indiscutibile: trasmette ideali con fervore patriottico e l’ammirazione del popolo verso di lui è tale da trasformarsi presto in fedeltà cieca e assoluta.

Norman Spinrad

Norman Spinrad

Pur con la certezza che alle prossime elezioni il suo partito sarebbe diventato il primo partito della Repubblica, Jagger preferisce battere il ferro ancora caldo e, con un colpo di stato, rovescia il governo e si fa eleggere Duce. La sagacia di Jagger, il suo tempismo e le sue strategie, sia politiche sia militari, fanno di lui un eroe quasi mitologico. L’esercito lo appoggia, la popolazione dei veriuomini è con lui e la televisione trasmette le adunate oceaniche delle forze armate, abilmente coreografate per incutere paura ai mutanti e alle altre nazioni.
Se questa propaganda vi ricorda qualcosa, forse dovremmo parlare del simbolo inventato da Jaggar per il suo partito: una croce uncinata nera, in un cerchio bianco su sfondo rosso. E la sue guardie speciali? Un’élite di altissimo livello genetico, intellettuale, fisico e ideologico con due saette rosse ricamate sulle spalline della divisa: SS (Signori della Svastica).

E’ evidente che ci troviamo di fronte a un futuro alternativo, che non ha mai conosciuto la Seconda Guerra Mondiale (non come noi la conosciamo). L’avvento di Jagger a Heldon non fa che ripercorre le tappe dell’ascesa al potere del Nazionalsocialismo nella Germania degli anni Trenta. Il culto della razza è incarnato dalla figura possente e prestante, quasi mitologica, di un eroe ariano: il virile Feric Jagger. A confronto, Adolf Hitler sembra una parodia.
Ma l’ucronia non si limita a questo. Il colpo di scena è già nel titolo: “Norman Spinrad presenta: Il Signore della Svastica – un romanzo di Adolf Hitler” e nella quarta di copertina.

norman spinrad

Norman Spinrad

Spinrad immagina che il libro che stiamo leggendo sia un romanzo di fantascienza scritto da Adolf Hitler nel 1953. Nella nota biografica sull’autore, veniamo a sapere che Hitler emigrò negli Stati Uniti nel 1919. Sbarcava il lunario come illustratore di riveste di fantascienza e nel 1935 debuttò come scrittore proprio su una di queste riviste. Nel 1955 gli viene assegnato postumo il premio Hugo per il miglior romanzo di fantascienza, “The Iron Dream – Il Signore della Svastica”, che ha avuto un enorme successo in tutto il mondo. Quella che stiamo leggendo è la “seconda edizione” (la prima esaurita da tempo), con postfazione di un certo Homer Whipple, critico letterario che getta luce sull’autore (scrittore di polpettoni commerciali, nevrotico e privo di talento, morto di emorragia cerebrale dovuta probabilmente a sifilide) e analizza l’opera con puntigliosa competenza, liquidandola come una rozza metafora anticomunista (da qui il successo editoriale, altrimenti inspiegabile).

Il romanzo di Spinrad è una presa in giro di certa fantascienza reazionaria e della paranoia anticomunista che serpeggiava negli Stati Uniti in quegli anni (1972).
La trama è avvincente e, a modo suo, realistica (drammaticamente realistica, se pensiamo a cosa è ispirata). I principii di propaganda politica vengono sfoderati con cinica efficacia. Non dimentichiamo che Spinrad è l’autore di “Bug Jack Barron”, il romanzo del 1969 che ha spietatamente svelato i trucchi del mestiere degli anchormen e la capacità manipolatrice della televisione.
La postfazione è un gioiello di ironia, con cui Spinrad demolisce il romanzo che ha appena scritto e ci fa sbellicare dalle risate.

Norman Spinrad: "Tra due fuochi" - "Il pianeta Sangre" - "Deus X"

Norman Spinrad: “Tra due fuochi” – “Il pianeta Sangre” – “Deus X”

1 commento

  1. […] Norman Spinrad, nel romanzo “The Iron Dream” (1972 – tradotto come “Il signore della svastica”), ipotizza una storia alternativa in cui un giovanissimo Hitler si trasferisce negli Stati Uniti […]

    Mi piace


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi