Vermilion Sands – 2. IL GIOCO DEGLI SCHERMI – James G. Ballard

 

Karel Thole

Karel Thole – illustrazione del romanzo “334” di Thomas M. Dish

Una troupe cinematografica si stabilisce nella villa di un ricco magnate per le riprese di un film sperimentale. La villa sorge fra le dune del deserto, a Lagoon West, sulle sponde di un lago di sabbia che si estende fra Vermilion Sands e Red Beach.
Il film verrà diretto da un famoso regista d’avanguardia e sarà interamente finanziato dal proprietario della villa, un aristocratico giovane ed elegante che cinque anni prima ha perso la madre in circostanze poco chiare, e si comporta ancora “come se lei spiasse ogni suo movimento da un balcone lontano, attraverso un binocolo da opera montato su un tripode”.
Uno degli artisti della città viene ingaggiato per dipingere i giganteschi fondali voluti dalla produzione: grandi tabelloni telati larghi duecento metri e alti dieci che si snoderanno come un serpente fra le scogliere di sabbia davanti alle grandi terrazze della villa.
In una di queste terrazze, quella di marmo a forma di scacchiera, vengono posizionati anche dodici pannelli su cui campeggiano gli emblemi zodiacali. E’ qui che il pittore incontra per la prima volta l’attrice che probabilmente interpreterà il film. E’ una donna fragile, dalla pelle bianca e dai capelli azzurri, che forse è stata un’amante del giovane mecenate e ha conosciuto la madre di lui, bisbetica e dominatrice. Vive nella villa da anni, “aggrappata (…) agli incubi dei suoi ricordi”, ed è costantemente sorvegliata da uno sgradevole psichiatra dal volto privo di espressione. Le sue guardie del corpo sono un esercito di ragni, mantidi religiose e scorpioni sparsi ai suoi piedi, che luccicano nella sabbia grazie ai preziosi gioielli che lei ha incastonato nelle loro teste.
Il produttore confessa al pittore che il film, in realtà, è solo un pretesto per mettere in scena uno psicodramma terapeutico, con l’obiettivo di trascinare la donna fuori del mondo privato in cui si è ritirata. Visto l’interesse che sembra nutrire per i pannelli sulla terrazza, gliene commissiona altri uguali, per giocare a spostarli come se fossero altissimi pezzi di una scacchiera dietro cui nascondersi.
La terrazza si riempie rapidamente di nuovi pannelli e il gioco prende piede. Muovendoli seguendo schemi inconsci si formano corridoi e labirinti zodiacali in cui perdersi. La danza ipnotica dei pannelli si trasforma presto in un astratto corteggiamento fra la donna e il pittore, sotto gli occhi dell’aristocratico, muto spettatore.
L’attrazione crescente verso quella donna malata, porta il pittore a penetrare una notte nella villa, con l’intenzione di rapirla e fuggire con lei, lontano dal luogo morboso delle sue ossessioni e dalla figura inquietante del suo psichiatra. Ma la donna si svincola dalla presa e ritorna sulla terrazza, dietro i tabelloni dipinti. Il proprietario della villa appare inaspettato fra le dune e si avvicina al pittore, spiegandogli in una sorta di complicità che da due giorni lei sfugge così anche a lui.
Il pomeriggio seguente tutte le comparse del film si ammassano sulla scacchiera per partecipare al “gioco degli schermi”, in una sorta di rituale oscuro. Quando poi le comparse iniziano ad abbandonare la terrazza, annoiate, il giovane produttore si lancia come una furia sulla scacchiera, sbattendo a terra i pannelli, lacerandoli e gridando il nome della donna. Lei è nascosta nel labirinto di tabelloni rimasti in piedi e, quando l’uomo la trova, si avventa su di lei in preda a una follia omicida. Per difenderla, tutti gli insetti gemmati gli si riversano addosso, conficcando i loro pungiglioni velenosi nella carne.
L’uomo, ricoperto di scorpioni scintillanti, corre verso il lago di sabbia e si accascia. Prima di morire, svela rantolando il segreto che lo tormenta da anni: è stata quella donna a uccidere sua madre.
Un anno dopo la tragedia, sopito lo scandalo, il pittore torna a Lagoon West e scopre che la donna si aggira ancora fra le stanze vuote della villa abbandonata. Di notte il suo volto è così bianco da apparire spettrale.

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi