Vermilion Sands – 6. IL SORRISO DI VENERE / LA VENDETTA DELLA SCULTRICE – James G. Ballard

Karel Thole

Karel Thole

A Vermilion Sands la Commissione di Belle Arti indice un concorso per la realizzazione di una soniscultura destinata alla piazza centrale della cittadina. Soltanto tre scultori professionisti si presentano e, fra questi, viene scelta un’artista famosa, un tempo modella e amica intima di artisti di fama mondiale.
In piazza, durante il discorso ufficiale, la statua viene presentata al pubblico e questi inorridisce di fronte a quel groviglio di ferro che produce noiosissime melodie con il sitar. Ben presto rimane nella piazza soltanto il presidente del concorso con la segretaria, imbarazzatissima. In disparte, la scultrice osserva la scena, silenziosa ed enigmatica. Per rimediare alla figuraccia, il presidente fa rimuovere la scultura e la fa installare provvisoriamente nel suo giardino. Con grande stupore si accorge che la statua cambia con il passare dei giorni: il cespuglio di ferro, con i suoi aculei e i suoi nuclei sonori, si muove e incomincia a crescere come una pianta, suonando un repertorio classico a volume sempre più alto. Fuori controllo, le dimensioni della soniscultura raggiungono proporzioni pericolose. Poiché la scultrice è irreperibile, quando le spirali di ferro sfondano le finestre del primo piano della villa, il proprietario, esasperato, prende una decisione drastica e decide di smembrarla.
Al termine di una notte di febbrile lavoro passata a demolire l’opera, impone che la tonnellata di rottami accatastati in giardino non venga stipata nel museo locale, ma smaltita in un’acciaieria per la fusione.
Tuttavia il contratto stipulato con la scultrice impegnava l’amministrazione a proteggere l’opera da qualsiasi danno. Invece di trasferirla in luogo sicuro, il presidente l’ha smantellata pubblicamente e l’ha poi mandata al macero: un’iniziativa arbitraria e lesiva per la reputazione della scultrice, la quale non tarda a fare causa alla Commissione di Belle Arti.
La sentenza viene emessa dieci mesi dopo. E’ la prima causa dibattuta nella nuova sede di un tribunale ancora in fase di costruzione. Gli avvocati della donna vincono senza sforzo e la Commissione è costretta a riconoscere all’artista un indennizzo proporzionato alla sua fama.
Dopo il processo, il presidente della Commissione, sconfitto, esce sulla terrazza del tribunale, anche se il pavimento è ancora da piastrellare. Percepisce sotto i suoi piedi una sottile vibrazione, seguita da un ronzio che gli ricorda fin troppo bene gli accordi di sitar ascoltati durante la cerimonia di inaugurazione. Incredulo, corre all’ultimo piano del tribunale, dove le pareti sono ancora da intonacare, e vede che stanno spuntando, fra le travi di acciaio, delle spirali di ferro provviste di nuclei sonori. “Fra un po’ canterà l’edificio intero”.
Evidentemente la statua fusa ha contaminato tutto il metallo con cui è venuta in contatto. Si è riprodotta come un virus e presto intaccherà altri edifici in costruzione, e nuove automobili, forse anche navi e aerei!

Che sia la vendetta della scultrice?

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi