CHANNEL 309 (I-III) – Marco Malattia (2014)

cover channel 309Marco Malattia rappresenta una delle realtà italiane più controverse ed estreme nell’ambito di un genere impossibile da catalogare e che rende quindi il suo lavoro unico ed originale, anche al di fuori dai nostri confini. Attivo ormai da svariati anni, non solo nel campo della videoarte sperimentale ma anche della fotografia e della musica, il factotum nostrano attraverso il progetto V>L>F porta in scena con coraggio e genuina dedizione la sua personale percezione della realtà, attraverso un linguaggio “propagandistico” non convenzionale, che prende le distanze da quel finto estremismo influenzato da una mediocrità artistica di fondo ed intercettato da un pubblico spesso facilmente appagabile dalle solite banalità trite e ritrite.

Channel 309 – Acausal Broadcast” è la quarta opera dell’artista italiano, coadiuvato per la prima volta da una casa di distribuzione: l’austriaca Black Lava Entertainment, specializzata nella produzione e promozione di prodotti horror underground ma anche di opere a loro modo shockanti ed incatalogabili (tra queste anche i lavori di Lucifer Valentine). A differenza delle precedenti produzioni, concepite con il preciso intento di trasmettere un messaggio – di natuta estetica o concettuale – “Channel 309” si spoglia da ogni volontà comunicativa per dare spazio ad uno scenario immaginifico “acausale”, come suggerisce il titolo stesso, e privo di continuità. La scelta di suddividere l’opera in tre episodi è giustificata per l’appunto dall’obiettivo di realizzare una sorta di contenitore che raccoglie situazioni disfunzionali e non consequenziali, quasi come fossero estrapolate a random da differenti canali. Il comune denominatore è rappresentato dall’elemento porno hardcore, inteso non come manifestazione erotica nella sua accezione positiva, bensì come mezzo interpretativo di una visione materialista e radicale, che trova la sua massima espressione in una carnalità morbosa e scevra di orpelli. Fondamentale a tal proposito la depersonalizzazione dei protagonisti attraverso maschere che coprono il volto, a sottolineare l’assenza di una componente introspettiva. I tre shorts mostrano diverse performer coinvolte in atti sessuali estremi e perversi, dove sperma, urina e vomito la fanno – come sempre – da padroni. Sebbene nella sostanza questo nuovo capitolo non si discosti particolarmente da quanto fatto in passato, la violenza visiva appare meno disturbante attestandosi su livelli più sostenibili. Probabilmente ciò è dovuto alla mancanza (voluta) di un contesto ben definito e alla quasi totale assenza di quella connotazione ritualistica ben evidente nei lavori precedenti e che contribuiva a creare un’atmosfera vagamente misticheggiante e di forte impatto. Inoltre la frammentarietà e la disomogeneità della pellicola nel suo complesso spezza il flusso emozionale provocando qualche piccolo calo di tono. Ancora una volta Marco Malattia si dimostra abile nel curare con estrema perizia tecnica montaggio, fotografia e regia nonostante si avvalga in questa occasione di supporti prevalentemente analogici, rimanendo comunque fedele ad uno stile moderno, personale ed elegante, in netta contrapposizione alla natura selvaggia dei contenuti.

<attenzione: link a sito per soli adulti>

http://www.xvideos.com/video10498143/_channel_309_i_-_iii_-complete_dvd_trailer_

Ottimo lo score musicale firmato Zero Gravity Toilet – progetto musicale curato dallo stesso Malattia – di matrice noise/industrial, che incornicia alla perfezione un disagio quasi palpabile ed esasperante. Particolarmente ricercata anche la confezione del prodotto, edito sia in versione slipcase che in formato hartbox con custodia in pelle limitato a 99 copie (già sold-out).

Una visione che potremmo definire più esattamente come un’esperienza viscerale, grazie all’autenticità e alla potenza delle immagini, le quali esulano dal concetto di finzione filmica, aspetto imprescindibile e determinante di ogni singolo lavoro firmato V>L>F.

Channel 309” oltrepassa (con risultati altalenanti) i limiti del sexploitation più spinto per adagiarsi su un livello interpretativo distorto ed improbabile. Al di là dell’opinabile giudizio estetico, va riconosciuto a Marco Malattia il merito di aver dato origine ad un progetto innovativo che attinge da generi e stili già esistenti rivisitandoli in una chiave del tutto personale e funzionale alla propria concezione idealistica, ben lungi dall’essere in qualche modo definito o etichettato. E scusate se è poco.

Articolo di Cristina Schramm

 

 

Annunci

1 commento

  1. Cuando el hombre nos penetra por el ano lo primero que sentimos es la sensación de defecar. http://tusxvideos.com

    Mi piace


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...