THOSE POOR BASTARDS – Vicious Losers

2014 Vicious Loser Those Poor Bastards

Those Poor Bastards sono tornati a cantare le loro macabre ballate condite con tanto black humour.
I temi del loro ultimo lavoro (2014) sono già descritti nel bellissimo titolo: “Vicious Losers“. Sì, perchè il mondo a cui appartengono i Those Poor Bastards è fatto di perdenti, emarginati, alcolizzati, assassini e vagabondi, disprezzati da tutti, senza onore, ma sempre pronti a ballare sulle proprie miserie. La musica scava, come sempre, nelle origini del country- folk e del southern rock aggiungendo suggestioni gotiche che vanno, forse, ricercate nella letteratura (Poe, Lovecraft o il Nick Cave di “E l’asina vide l’angelo“) e nelle tradizioni dei reverendi/imbonitori che attraversavano le più bifolche campagne americane. I due componenti del gruppo (HellicksonLonesome” Wyatt e Minister) sembrano a tutti gli effetti dei predicatori indemoniati che cantano le debolezze dell’animo umano.

Vicious Losers” non aggiunge niente di nuovo rispetto ai precedenti album, ma si afferma il loro lavoro più riuscito dopo il loro capolavoro “Satan Is Watching You” del 2008.
Già nella prima canzone (“I am lost“) Lonesome Wyatt urla la sua sfortuna (“Bad luck / Bad luck / I’ve had lots of bad luck“) raccontano di come ogni suo sogno si sia trasformato in incubo e di come la sua anima sia ormai un pozzo vuoto che non può più essere riempito.
Ascoltando la pesantissima “Getting old” si sprofonda nella disperazione (“Is there a devil to return my youth / If I should give him my soul?“), mentre la successiva “Let us rot” è un cinico country gospel. “Give me drugs” è una canzonetta allegra e fischiettabile sulla tossicodipendenza. Probabilmente il brano più geniale dell’album. Seguono tre ballate country che potrebbero essere di Johnny Cash. Con “Born to Preach” le atmosfere tornano ambigue. La tetra e brevissima “Big Trees” precede “The only time I had” che ricorda “Rain Dogs” di Waits.


Wyatt prega Dio di liberarlo dalla noia nella bella “Loser’s Prayer“, mentre la scanzonata “Today I saw my Funeral” chiude l’album sperimentando suoni quasi noise. (Today I saw my funeral / There was no one around / Today I saw my funeral / It made me so ashamed / I realized the only thing / My life had brought was pain).

Those Poor Bastards si riconfermano i più disperati e i più genuini dei gruppi Gothic Country. L’alone di mistero che avvolge i due musicisti (Minister ha il volto coperto durante i concerti e non si conosce la sua vera identità, mentre leggenda vuole che Hellickson sia stato segregato durante la sua infanzia) e il loro lato scenografico (lunghi cappotti neri e cilindri in testa) arricchiscono il loro fascino.

Le bellissime copertine (stile weird tales) completano l’iconografia di un’ America passata, rurale e rozza, ossessionata da visioni bibliche e demoniache.

Did you know my cousin was a jailer?
He killed himself in prison long ago
To me, his fate, it seems so awful funny
Devoured by the rats, so I was told

I am lost

Those poor Bastards discography:

Those poor Bastards discography: “Behold The Abyss” 2012 – “Is This Hell?” 2011 – “Gospel Outtakes” 2010 – “Gospel Haunted” 2010 – “Black Dog Yodel” 2009 – “Abominations” 2009 – “The Plague” 2008 – “Satan Is Watching” 2008 – “Hellfire Hymns” 2007 – “Pills I Took” 2006 – “Songs Of Desperation” 2005 – “Country Bullshit” 2004

1.   I Am Lost
2.   Getting Old3.
3.   Let Us Rot
4.   Give Me Drugs
5.   All Dolled Up
6.   Lonely Man
7.   Strange Dark Night
8.   Born to Preach
9.   Big Trees
10. The Only Time
11. Trouble At Home
12. Loser’s Prayer
13. Today I Saw My Funeral

Sopra la demoniaca cover di  “I Walk The Line” (Johnny Cash) tratta da “Satan Is Watching You

Crooked Man” la loro canzone più famosa tratta sempre da “Satan Is Watching You

Alcune copertine del progetto parallelo di Hellickson Wyatt: Lonesome Wyatt and the Holy Spooks

Lonesome Wyatt and the Holy Spooks:

Lonesome Wyatt and the Holy Spooks: “Sabella” (2001) – “Heartsick” (2011) – “Moldy Basements Tapes” (2010)

Una bella canzone tratta da “Ghost Ballads” (2013) di Lonesome Wyatt and the Holy Spooks

I libri scritti da Hellickson Wyatt.

“The Terrible Tale of Edgar Switchblade” e “The Dreadful Death of Edgar Switchblade Paperback Book”

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi