1. Il fascino delle Location – Palazzo Fortuny a Venezia parte 2

Palazzo Fortuny Venezia

Palazzo Fortuny Venezia

Dopo anni di restauro, il palazzo è oggi interamente visitabile, dal piano terra fino all’immenso sottotetto con vista sulle tegole di Venezia. Gli stretti ballatoi dei piani nobili si affacciano sul piccolo giardino del lato più nascosto del palazzo, un gioiello di grande suggestione. All’interno, l’arredamento è rimasto il più possibile fedele a quello originale. Il grande salone del primo piano (il salone di rappresentanza) ha le pareti tappezzate di magnifiche stoffe Fortuny, su cui spiccano i quadri a olio di Mariano. Poi i tappeti, gli splendidi lampadari di seta (sempre di Mariano), i divani e le vetrine con oggetti preziosi collezionati negli anni. Un salotto in cui riverberano echi dannunziani. Per contrasto, nella vasta sala del secondo piano dove lavoravano le operaie sui telai, così spaziosa e oggi così vuota, è rimasta solo la biblioteca-studio di Mariano: un luogo dall’atmosfera quasi sacra, che racchiude l’anima dell’artista. Ci sono volumi d’arte, album con motivi decorativi, cartelle di appunti, fotografie… e un torchio per la stampa, un tavolo da lavoro, un cavalletto… ma anche strumenti all’avanguardia per quei tempi: lenti, ingranditori e lampade AEG brevettate da Mariano per l’illuminazione del palcoscenico nei teatri.

Palazzo Fortuny - Venezia. Cartolina

Palazzo Fortuny – Venezia. Cartolina

Il piccolissimo gabinetto alle spalle della biblioteca racchiude ancora boccette e vasi di vetro con i pigmenti segreti (formule di creazione Fortuny) che venivano utilizzati per la tintura delle stoffe. Questo è il laboratorio in miniatura del grande alchimista. Salendo per le scale si arriva al terzo piano, dove Mariano aveva allestito il suo laboratorio fotografico. Negli armadi, ingranditori, vasche per lo sviluppo, asciugatori, pinze… Il museo conserva 10.000 negativi su vetro. Come in una wunderkammer, aprendo i cassetti dell’atelier, dello studiolo e della biblioteca si trovano piccole meraviglie: gioielli disegnati da Mariano, bozzetti in cera e terracotta, studi di scenografie teatrali, prove di stampa, frammenti di stoffe, avori lavorati al tornio e, inaspettatamente, anche trapani da dentista, occhiali da oculista, bisturi… Tutto “bello come l’incontro fortuito di una macchina da cucire e di un ombrello sopra un tavolo da dissezione” (per citare i “Canti di Maldoror” di Lautréamont).

Palazzo Fortuny - Venezia dal catalogo ARTEMPO: biblioteca

Palazzo Fortuny – Venezia dal catalogo ARTEMPO: biblioteca

Questi accostamenti azzardati, spiazzanti e, a modo loro, illuminanti come un quadro surrealista hanno spinto il famoso collezionista e interior designer belga Axel Vervoordt a realizzare nella casa-museo di Mariano “ARTEMPO“, una mostra di grande suggestione dove arte antica e arte moderna, installazioni contemporanee e reperti archeologici, culture orientali e culture occidentali convivono, dialogano e si confondono in un’emozionante gioco di assonanze. Un viaggio che supera le barriere geografiche e cronologiche che siamo abituati ad erigere quando parliamo di arte.

Palazzo Fortuny - Venezia. Cartolina

Palazzo Fortuny – Venezia. Cartolina

Visto il successo di ARTEMPO (2007), Axel Vervoordt continuerà, sulla stessa linea e nella stessa sede, a realizzare mostre evento come “IN-FINITUM” (2009) e “TRA” (2011). Memorabili gli allestimenti di Daniela Ferretti, straordinaria exhibition designer di fama internazionale e direttrice di Palazzo Fortuny dal 2010. Curiosità La produzione dei tessuti Fortuny continua ancora oggi nell’atelier della Giudecca, inaugurato nel 1921. Le stoffe delle nuove linee di mercato, sempre ispirate al genio di Mariano, vengono confezionate con competenza e professionalità dalle detenute del vicino carcere femminile. A Brescia è presente l’Istituto professionale per l’industria e l’artigianato “Mariano Fortuny”, orientato ai settori dell’abbigliamento, della moda e dell’arredamento. Daniela Ferretti, veneziana d’adozione da più di quarant’anni, è nata a Brescia.

Palazzo Fortuny Venezia dal catalogo ARTEMPO.

Palazzo Fortuny Venezia dal catalogo ARTEMPO.

img112 ARTEMPO catalogo 5

Palazzo Fortuny Venezia dal catalogo ARTEMPO.

2 commenti

  1. Hi to every one, the contents existing at this web page are really awesome for people knowledge, well,
    keep up the nice work fellows.

    Mi piace

  2. […] L’interno della casa veneziana è stato creato in studio, a Roma, ma l’esterno del palazzo e il suo piccolo e suggestivo giardino (che appare in tre brevi scene) sono di Palazzo Fortuny, a Venezia. […]

    Mi piace


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi