2. Il fascino delle Location – Le colonie marine abbandonate. Parte 1

Colonia varese goggle earth

Ex Colonia Varese a Milano Marittima.

Le colonie dei primi anni del ‘900 lungo la Riviera Romagnola sono da sempre un’attrazione, anche se, col tempo, i motivi di tanto fascino sono cambiati. Ora le loro imponenti architetture razionaliste sono delle strutture metafisiche che l’abbandono e il degrado hanno reso spettrali relitti di epoche perdute. In passato la loro imponenza e le geometrie futuristiche servivano per propagandare un regime proiettato verso il progresso. La colonie marine nascono come rimedio e prevenzione alle numerose forme di tubercolosi che rappresentavano una delle principali cause di mortalità nei bambini, specie quelli appartenenti alle classi meno abbienti. Mare e sole erano un’ottima prevenzione e spesso anche un rimedio contro questa piaga. Le prime colonie marine in Italia nacquero sulla Riviera Tirrenica verso la metà del 1800 grazie alla ferrea volontà di Giuseppe Barellai, mentre sulla Riviera Romagnola le prime strutture sorsero qualche decennio più tardi grazie a Paolo Mantegazza (considerato tra le altre cose un precursore della fantascienza italiana con il suo racconto “Anno 3000: un sogno“) grande ammiratore di Barellai. Le colonie marine, in epoca fascista, vengono potenziate: da strutture ospedaliere diventano strumento di cura, educazione, svago e propaganda in grado di ospitare migliaia di bambini. Le politiche di sostegno alle famiglie più povere garantiscono loro un soggiorno vacanza in cui possono crescere sani, robusti e politicamente orientati grazie a un fiero senso dell’appartenenza. Anche alcune grandi industrie dell’epoca costruiscono le loro colonie in linea con la visone fascista.

Monopoli di Stato

Colonia Monopoli di Stato (Montecatini) a Milano Marittima. Ingresso

E’ il caso della gigantesca colonia Monopoli di Stato (Montecatini) a Milano Marittima della Società generale per l’industria mineraria agricola e chimica. La stretta collaborazione del reparto chimico con l’industria bellica degli anni del fascismo e il sostegno del nuovo direttore (Guido Donegani) a Mussolini consentiranno all’azienda di commissionare nel 1939 l’ambizioso progetto per la costruzione della Monopoli di Stato all’architetto Eugenio Faludi.

Monopoli di Stato 3

Colonia Monopoli di Stato (Montecatini) a Milano Marittima. Fronte.

Monopoli di Stato 2

Colonia Monopoli di Stato (Montecatini) a Milano Marittima. Veduta dalla spiaggia.

La colonia si presenta gigantesca, capace di ospitare più di 1500 bambini e circa 300 dipendenti, un ampio arco fa da ingresso alla lunga e ampia via che porta al blocco centrale della colonia. Il blocco centrale dei dormitori è lunghissimo, ma alto solo quattro piani. Una torre alta 50 metri (la Torre dell’Arengario) bilancia l’aspetto monolitico dell’edifico. Nel progetto originale di Faludi una passerella doveva partire dal retro della colonia e attraversare tutta la spiaggia fino al mare. La struttura funzionale e moderna è in linea con il sogno progressista di quegli anni, la torre dell’Arengario serviva ad ammirare il temperamento atletico dei giovani balilla che correvano lungo le sue rampe, nessuno poteva rimanere indifferente a uno sfoggio simile di “potenza” e “benevolenza”. In tempo di guerra la colonia divenne ospedale militare, la torre venne distrutta e l’architetto Faludi, a causa delle leggi razziali (era di origini ebree), fu costretto all’esilio.

Colonia Varese mio

Colonia Varese veduta dalla spiaggia.

IMG_1284-1350x900

Colonia Varese. Particolare della doppia rampa. Fotografia di George Matei.

IMG_1205-1350x900

Colonia Varese. Interno. Fotografia di George Matei.

A pochi metri dalla Monopoli di Stato sorge un altro monumentale rudere: la colonia Varese. Costruita dall’architetto Mario Loreti nel 1939 per la Federazione dei Fasci della provincia di Varese. Durante la guerra il piazzale della colonia fu utilizzata dai tedeschi come carcere, obitorio e ospedale mentre dagli alleati come rimessa per gli aerei della RAAF (Royal Australian Air Force). Durante la ritirata i Tedeschi fecero saltare con gli esplosivi la rampa di scale che occupava l’ampio blocco centrale dell’edificio.

Ex Colonia Varese a Milano Marittima. Veduta dalla spiaggia.

Ex Colonia Varese a Milano Marittima. Veduta dalla spiaggia.

Quelle che vediamo oggi sono frutto di un restauro iniziato negli anni ’60 e mai terminato. Negli ultimi anni l’interesse per queste storiche struttre è cresciuto, anche grazie all’attività di tanti writers, da sempre interessati a esplorare luoghi abbandonati, e dalla documentazione di fotografi amatoriali alla ricerca di soggetti curiosi. Esistono vari progetti di riqualificazione per le colonie abbandonate (anche per la Monopoli e per la Varese), ma di difficile realizzazione. Solo poche di queste sono state ristrutturate ridestinandole ad alberghi o scuole, ma, al di là delle necessità urbanistiche contro il degrado, il loro fascino è andato perduto. Questi relitti metafisici arenati sulle spiagge hanno la stessa  bellezza dei ruderi romani. Proprio per la decadente e inquietante grazia le surrealei rampe incrociate della colonia Varese fanno da scenografia a due film italiani. “La ragazza di Latta” (1970) di Marcello Aliprandi, un piccolo film fanta grottesco che risente molto di quegli anni, e il cult horror “Zeder” (1983) di Pupi Avati. Per “Zeder” fu valutata un’altra location simile, ma meno suggestiva: la colonia “Le Navi” di Cattolica.

La Colonia Dalmine diventato l'albergo le Conchiglie di RiminiLa Colonia Dalmine diventato l'albergo le Conchiglie di Rimini

La Colonia Dalmine diventata l’albergo le Conchiglie di Rimini

La Colonia Novarese Rimini

La Colonia Novarese a Miramare di Rimini. Architetto Giuseppe Peverelli (esponente di spicco dell’economia e della politica italiana nel periodo fascista. Scappò in Uruguay nel 1943) Diventerà un grand hotel e centro benessere. Lavori bloccati. Foto presa dagli archivi del sito http://www.artefascista.it

 

(Bellariva). Progetto di ristrutturazione, ma lavori bloccati.

L’imponente Colonia Murri a Bellariva di Rimini (1911). Progetto di ristrutturazione, ma lavori bloccati.

La Colonia Agip a Cesenatico tutt'ora attiva.

La Colonia Agip a Cesenatico (1938) tutt’ora attiva. Architetto Giuseppe Vaccaro.

Ex colonia "Le Navi" a Cattolica di Rimini. Parzialmente ristrutturato. Attuale Acquario e parco tematico.

Ex colonia “Le Navi” a Cattolica di Rimini (1934). Architetto Clemente Busiri Vici. Parzialmente ristrutturato. Attuale Acquario e parco tematico.

Ex colonia "Le Navi" di Cattolica

Ex colonia “Le Navi” a Cattolica. Cartolina d’epoca.

getImage

Ex colonia “Le Navi” a Cattolica.

Ex colonia "Le Navi" a Cattolica. La struttura originale. Cartolina d'epoca.

Ex colonia “Le Navi” a Cattolica. La struttura originale. Cartolina d’epoca.

2 commenti

  1. […] colonia Varese di Milano Marittima ha fatto da scenario anche ad altri […]

    Mi piace

  2. […] Colonia Varese di Milano Marittima è lo scenario delle terrificanti […]

    Mi piace


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi