Léon Spilliaert e la natura segreta della realtà

7 Autoritratto allo specchio (1908)

Léon Spilliaert: Autoritratto allo specchio (1908)

Léon Spilliaert (1881-1946) è stato uno degli ultimi rappresentanti del Simbolismo, movimento artistico di ribellione culturale e sociale dilagato in Europa tra la seconda metà dell’Ottocento e il primo decennio del Novecento. Nato ad Ostenda e vissuto per la maggior parte della vita tra la città natale e Bruxelles, Spilliaert è un artista ancora poco noto al di fuori dall’ambiente franco-belga, ma la sua arte merita di essere rivalutata per gli esiti incredibilmente originali e moderni, oltre che affascinanti, a cui è giunta in oltre quarantacinque anni di carriera.

Le sue opere colpiscono per l’ambiguità che le caratterizza a più livelli: tecnicamente a metà strada tra pittura e grafica, in esse si riconoscono tratti tipici del Simbolismo, dell’Espressionismo, dell’Astrattismo geometrico e talvolta elementi che anticipano il Surrealismo, ma non le si può mai affiliare completamente ad una sola corrente. Concettualmente le si potrebbe definire con un ossimoro quale “realismo soggettivo”, ed effettivamente Spilliaert rappresentava soprattutto ciò che lo circondava: scorci di città, interni di case borghesi e scene di vita quotidiana, filtrando però il tutto attraverso una percezione alterata capace di svelare la natura segreta delle cose.

 

1 Diga e Faro (1908) - Faro sulla Diga (1908)

Léon Spilliaert: Diga e Faro (1908) – Faro sulla Diga (1908)

 

Ostenda è uno dei soggetti più ricorrenti nelle sue opere, città di mare elevata a simbolo universale dell’eterno ed irrisolto incontro tra ordine e caos. Per mezzo di una sintesi geometrica e cromatica della rappresentazione Spilliaert descriveva una realtà di contrasti e compenetrazioni tra dimensioni opposte: luce e ombra, materia e vuoto, architetture immobili e maree incessanti.

Anche quando non oppongono l’universo urbano con quello marino, queste opere sono spesso basate su un contrasto rivelatore di una verità simbolica: le arcate monumentali del lungomare di Ostenda diventano ad esempio un confine tra uno spazio tangibile e un “altrove” etereo e di pura luce, una metafora del passaggio tra la vita e la morte. Nei paesaggi marini l’orizzonte è viceversa una meta irraggiungibile, un mistero che attira irrimediabilmente l’uomo lasciandolo però paralizzato sul limite invalicabile del bagnasciuga.

2 Sera sulla diga di Ostenda (1908) - Le tre arcate (1907)

Léon Spilliaert: Sera sulla diga di Ostenda (1908) – Le tre arcate (1907)

 

3 Ragazze di fronte all'onda (1908)

Léon Spilliaert: Ragazze di fronte all’onda (1908)

 

Quando è presente, l’essere umano è sempre una figura fragile, isolata e a volte minuscola, schiacciata da un universo di fronte al quale è impotente. Si riconoscono soprattutto figure femminili, solitarie e in attesa, come la figura ammantata di “Donna sulla diga” (1908), dove il contrasto tra primo piano e punti di fuga crea uno spaesamento prospettico alienante.

4 Donna sulla Diga (1907)

Léon Spilliaert: Donna sulla Diga (1907)

Spilliaert cercava di trasmettere, attraverso le proprie opere, sensazioni inquietanti quali paralisi, vertigine e un’indefinita ambiguità, trovandoci in esse una condizione esistenziale dell’essere umano. Un’altra celeberrima opera del pittore, “Vertigine – Scala magica” (1908), è ispirata alla sensazione di vuoto provata scendendo una scalinata durante una notte tempestosa. Le proporzioni totalmente alterate creano un’ambientazione da incubo, con la figura protagonista sul ciglio di un abisso, senza la possibilità di muoversi in alcuna direzione

5 Vertigine - Scala Magica (1908)

Léon Spilliaert: Vertigine – Scala Magica (1908)

 

Anche nella pittura di interni si nota un’evidente sintesi geometrica che altera la percezione degli spazi, ma le strutture compositive sono più complesse, spesso basate su paradossi prospettici ed ottici che rendono dei tipici ambienti borghesi delle prigioni surreali. In questo Spilliaert si mostra più vicino che mai alla cultura simbolista che, soprattutto in campo letterario, aveva concepito l’interno dell’abitazione come rappresentazione di una trappola in cui l’uomo era confinato dalle convenzioni sociali.

 

6 Autoritratto col cavalletto (1908)

Léon Spilliaert: Autoritratto col cavalletto (1908)

 

Nelle opere di Spilliaert, come in quelle di altri simbolisti, l’interno diviene anche mausoleo di memorie e segreti, secondo una visione tipicamente animista del rapporto tra essere umano e materia tangibile. Gli oggetti quotidiani, infusi della storia di chi li ha posseduti, nell’oscurità della notte e nel riverbero di una luce non diurna (lunare o artificiale) si spogliano dell’apparenza e rivelano la loro vita segreta, popolando gli ambienti di apparizioni indefinibili e talvolta minacciose.

L’unica presenza umana è quella del pittore stesso, che inseriva il proprio autoritratto solo nella pittura di interni, rappresentandosi come un essere emaciato, scarnificato ed intrappolato nell’abito-guscio che lo identifica socialmente.

Proiettando su se stesso l’angoscia dell’uomo contemporaneo Spilliaert si ricollega al celebre “Urlo” (1893) di Edvard Munch, evocato esplicitamente nell'”Autoritratto allo specchio” (1908). Rinchiuso nello spazio delimitato dalla cornice di uno specchio, inseguito dal memento mori dell’orologio alle sue spalle, la figura del pittore è infine catturata mentre si sta dissolvendo in un abisso di oscurità, paralizzata nell’eternità di un grido muto.

 

Articolo di Fabio Zanchetta
Progetto Fin de Siècle

 

2 commenti

  1. Bell’articolo.
    Conosco alcune opere di Spilliaert grazie alle copertine di alcuni romanzi di Georges Simenon editi da Adelphi . Ne elenco qualcuna:
    1. esterni:
    Lungomare di notte – 1908 (romanzo “L’uomo di Londra”),
    Casa nel crepuscolo – 1921 (romanzo “Le finestre di fronte”),
    Marina con scia – 1902 (romanzo “I Pitard”),
    Plage – 1909 (romanzo “L’uomo che guardava passare i treni”),
    Il porto – 1925 (romanzo “La casa sul canale”),
    Gallerie Reali di Ostenda – 1908 (romanzo “Il primogenito dei Ferchaux),
    2. interni:
    La vetrata – 1909 (romanzo “Il viaggiatore del giorno dei morti”),
    La porta aperta – 1904 (romanzo “Gli intrusi”),
    La camera da letto – 1908 (romanzo “I fantasmi del cappellaio),
    La camera da letto – 1908 – un’altra versione (romanzo “Il fidanzamento del signor Hire”).

    Mi piace

    • Ciao, grazie per l’apprezzamento dell’articolo!

      Si, ho notato la passione degli Adelphi per le opere di Spilliaert, che altrimenti sarebbero sconosciute in Italia. Io per studiare questo artista (che è stato l’argomento della mia tesi di laurea) sono dovuto andare direttamente in Belgio per raccogliere materiale…

      Mi piace


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V

    RACCOLTA 2014 anno V - prenotala su questo sito

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti gratuitamente a questo blog e ricevere notifiche di nuovi articoli per e-mail.

    Segui assieme ad altri 2.540 follower

  • Archivi

  • B-Sides Magazine IV – Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

    B-Sides Magazine IV - Raccolta Stampata 2013

  • B-Sides Magazine III – Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

    B-Sides Magazine III - Raccolta Stampata 2012

  • B-Sides Magazine II – Raccolta Stampata 2011

    Raccolta Stampata 2011 - Diponibile a richiesta

    B-Sides Magazine II - Raccolta Stampata 2011

  • “Sbranando Dio” di Giuseppe Ricci – una pubblicazione B-Sides Magazine – Prenotala da questo sito

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

    "Sbranando Dio" di Giuseppe Ricci

  • B-Sides Magazine – Cover 2011

    B-Sides Magazine - Cover 2011

    B-Sides Magazine - Art 2011

  • B-Sides Magazine – Cover 2010

    B-Sides Magazine - Cover 2010

    B-Sides Magazine - Art 2010

  • AUTORI

  • Seguici anche su Facebook

  • Cristina Schramm

  • BIZZARRO BAZAR

  • SOURMILK

    Cineforum

  • TAG

    Abel Ferrara Adriano Barone adult comics Aleksei German Andrzej Pagowski Andrzej Żuławski Anima Persa Anselmo Ballester BDSM Biennale Venezia Arte Architettura Blixa Bargeld cartoni animati per adulti Colonia Varese Cormac McCarthy cover cyberpunk Davide Manuli Edogawa Ranpo Electronic Music ero guro Erotico Fantascienza festival cinema Fetish Film cult horror b movie Film estremi Foetus James George Thirlwell Genesis P-Orridge Giorgio Olivetti HARMONY KORINE Ian McDonald Indie Alternative Music Industrial Interviste italian movie poster Jack Kirby James G. Ballard Jamie Hewlett Japanese culture John Hillcoat Karel Thole Kotoko La leggenda di Kaspar Hauser Lars von Trier Location Lucio Fulci art Luoghi abbandonati manga miguel angel martin mockumentary moebius mostra del cinema di venezia Nick Cave Nine Inch Nails Palazzo Fortuny Peter Christopherson Phil Mulloy polish movie poster Pupi Avati Registi Polacchi Russian Culture Shinya Tsukamoto slasher Takashi Miike Ted Chiang Teruo Ishii The Proposition Throbbing Gristle torture porn TRIESTE S+F festival V>L>F Videomalattie Venezia Vermilion Sands Zeder zombi