“Jesus Shows You the Way to the Highway” (2019) - Miguel Llansò

Jesus Shows You the Way to the Highway” è una sorta di “Martix” 8 bit ironico e originale diretto con grande cura da Miguel Llansò .

In un futuro imprecisato Psychobook, l’intelligenza artificiale che governa la città di Tallin, è minacciato da un virus informatico russo. Gli agenti speciali della CIA Palmer Eldritch (citazione da Philip Dick) e DT Gagano (Daniel Tadesse) devono debellare la minaccia informatica entrando nel sistema operativo della AI. Le cose non vanno per il verso giusto e l’agente Gagano resta bloccato nella realtà virtuale mentre il suo corpo giace bruciato su una branda. Sbalzato in una nuova realtà  Gagano deve vedersela con il dittatore dello stato di Betta Etiopia governato da un afro-Batman sovrappeso e cocainomane e cercare di capire come tornare a casa da sua moglie grazie ai consigli di un Gesù fricchettone che ascolta musica metal e spaccia una droga fosforescente.

jesus-shows-you-the-way-to-the-highway-1
“Jesus Shows You the Way to the Highway” (2019) – Miguel Llansò

Jesus Shows You the Way to the Highway” è un frullato di trash, spionaggio, fantascienza, film no-budget africani e divertenti citazioni, in cui non viene risparmiato nulla: dai monaci Shaolin che difendono il sistema operativo dall’attacco di virus esperti in kung fu al ritmo di un videogame anni ‘80, all’apparizione di mostri posticci simili al film “The Fly” del 1958.

Se la ricerca consapevole del gusto trash richiama le produzioni della Troma e il citazionismo a 360 gradi l’attitudine tarantiniana, il regista spagnolo/estone Miguel Llansò inventa un suo stile personale slegato da questi due poli. La ricercata fotografia e il curato sound design cheaptune ne fanno un ottimo prodotto difficile da catalogare.

Fantastiche le scene in stop motion ambientate nella relatà virtuale in cui gli avatar sono mascherati con i volti di celebrità come Robert Redford, Richard Pryor, John Malkovich, Stalin, …

Il film è stato presentato in questi giorni al Sitges Film Festival 2019Menzione speciale della giuria per la sezione Nuove Visioni.